7 Gennaio  2017 - a cura di Skyvape

La Tabaccheria di Orlando D’Alessandro, è un’impresa costituita ed avviata nel 2015, dopo anni di test e ricerche impegnati nella produzione di Estratti di Tabacco per Sigaretta Elettronica, da usare in diluizione in liquidi da inalazione per sigaretta elettronica (Basi Neutre).

 link alla pagina Facebook Ufficiale: clicca quì
 link al sito web: clicca quì


 

  • Partiamo con delle domande riguardanti lo svapo per poi passare all'intervista specifica, ed in effetti una domanda che tutti fanno e si fanno è "Da quanto tempo svapi e come hai cominciato"?
    • Ho iniziato a svapare nel 2013. All’epoca non c’erano prodotti che avessero realmente il sapore del tabacco e che ci soddisfacessero, cosi, per gioco, unitamente ad un gruppo di amici competenti in materia di chimica organica ed aromi iniziammo i primi test di estrazione delle foglie di tabacco.

      Ovviamente non era un business, ma una passione che tuttavia si andò man mano a spegnere per mancanza di tempo, impegnato tra lavoro e famiglia. Nel 2014 mia madre ebbe un peggioramento importante per un tumore, che stava tenendo sotto cura e controllo da anni. Ho provato più volte a farle assaggiare i prodotti che man mano stavano iniziando a migliorare, ma ancora non avevano acquisito la maturità che ha oggi il nostro processo di estrazione e non riuscii a farla smettere di fumare, questo è il mio più grande rammarico.  In seguito, purtroppo, ricominciai a fumare anche io. Due giorni prima di andarsene mia madre chiese a me ed a mio fratello di riprovare con  la sigaretta elettronica,  pregandoci di smettere di fumare. Io  e Patrizio le facemmo questa promessa. Appena ripresa la sigaretta elettronica ripresero anche i test di estrazione,  ripartimmo con tanta passione e motivazione riuscendo a mettere a punto una tecnica, che veramente lasciò stupito sia me che le persone che provavano il prodotto. Da lì in poi l’idea di investire il mio tempo ed i miei risparmi nell’industrializzazione del processo che, con sacrifici e caparbietà, ci ha portato oggi ad essere un’azienda italiana che propone dei prodotti innovativi di qualità ormai riconosciuta ed in linea con le attuali normative sotto tutti i punti di vista, attenta alle esigenze del mercato e dei clienti che cerchiamo di seguire sempre da vicino.

  • Svapi solo liquidi cosiddetti "tabaccosi" o anche altre tipologie come cremosi o fruttati?
    • Qualsiasi tipo di dolce, fruttato o cremoso dopo un pò mi da nausea e ritorno puntualmente ai tabacchi.
  • I liquidi americani o "stranieri", da copiare? O da condannare?
    • Io credo che noi Italiani siamo quelli da copiare, soprattutto  in alcuni settori specifici come i tabacchi, la nostra qualità è indiscussa.

  • Parliamo della tua azienda "la Tabaccheria". Nasce nel 2015 dopo aver testato e provato diverse varianti e modifiche per arrivare alla qualità degli e-liquid preparati tutt'oggi. Ma come pensi sia cambiata la concezione in questi 4 anni di svapo in Italia?
    • Io penso che questo sia un settore in fermento ed in crescita costante,  ancora tutto da sperimentare, sia per noi produttori che per i consumatori. Bisogna sempre rinnovarsi e far uscire prodotti nuovi, evitare di fare copie di prodotti di successo , inserendone di nuovi ed originali.

  • Patrizio e Orlando d'Alessandro

    Da cosa nasce l'idea di creare un'azienda del genere, e come si è evoluta in questi due anni?
    • Una bella idea, nata però da esperienze di vita meno belle, che mi hanno convinto ad investire in questo mondo e dato coraggio e voglia di far qualcosa di buono in un settore che può fare del bene. Di questo ne sono convinto! Devo molto a mia madre ed alla mia famiglia. Al di là della tecnica di estrazione acquisita nel tempo, che è stata fondamentale per procedere all’investimento fatto, la chiave di lettura del nostro successo è la famiglia ed il team di professionisti che ci hanno accompagnato in questo percorso.

 

  • Nello specifico i vostri liquidi e/o aromi concentrati sono organici al 100% definiti estratti e non macerati. Cosa cambia tra queste tipologie di liquidi e/o aromi e servono dei macchinari particolari per l'estrazione dalle foglie di tabacco?
    • Un Macerato ed il Nostro Estratto differiscono per molti versi l’uno dall’altro:

      • il Macerato è più dolce, l’Estratto è più secco
      • il Macerato è meno concentrato dell’Estratto
      • Il Macerato necessita di tempi di maturazione più lunghi affinché il dolce si attenui e risulti più scandito il gusto del tabacco
      • L’Estratto non necessità di maturazione, il gusto è da subito secco e data l’alta concentrazione il bouquet aromatico è ben definito da subito. Il tempo ammorbidisce il gusto magari, ma non è fondamentale la maturazione con un estratto come il nostro.
      • Data l’alta concentrazione del prodotto si può diluire meno e migliorare le incrostazioni ottenendo comunque un buon aroma anche a percentuali sotto il 10%, cosa che difficilmente si può ottenere con un macerato.

      Ogni tecnica di estrazione ha le sue peculiarità così come il relativo prodotto. Di base un estratto è un prodotto più elaborato in termini di tempi e step di lavorazione rispetto al macerato. Sebbene il nostro estratto è frutto di una tecnica di estrazione a freddo, tutto il procedimento è meccanico e fisico, mai chimico!

  • Essendo l'unica azienda in Italia che propone queste varianti di liquido e/o aromi il mercato come li ha accolti? C'è stata un’ evoluzione a livello aziendale, nel senso che avete dovuto aumentare la produzione per la troppa richiesta o vi identificate in una nicchia di mercato di amatori del tabacco?
    • In Italia c’e’ il culto del macerato e della lunga maturazione. L’estratto però ci sta dando tantissima soddisfazione e le richieste sono in continua crescita. Non vogliamo tuttavia deludere gli amanti del macerato pertanto annunciamo qui a SkyVape che abbiamo in programma una linea di macerati La Tabaccheria.

  • Io personalmente non amavo i tabaccosi "come liquidi" ma con i vostri ho sentito qualcosa di diverso, un aggancio al "naturale al non chimico o elaborato". Praticamente e molto sinteticamente, come avviene il processo di estrazione che li rende così - buoni - ?
    • La tecnica acquisita con tanto sacrificio, l’investimento fatto su  macchinari all’avanguardia, sicuramente è alla base di tutto, ma uno dei segreti sta nella scelta della materia prima, in quanto utilizziamo solo tabacchi non lavorati e di qualità TOP. In sintesi il tabacco lavorato è condito con tutta una serie di sostanze che vanno evitate, considerate solo che se provate a fumare un tabacco non lavorato vi “grattuggerà” letteralmente la gola. Un tabacco lavorato non lo fa, proprio perche è stato manipolato appositamente con diverse sostanze. Questo è solo un aspetto da tenere presente quando si parla di estrazioni anche casalinghe fatte con tabacchi lavorati. In secondo luogo il gusto del tabacco cambia in base all’altezza della foglia selezionata per l’estrazione: la bassa serve a dare combustibilità, l’aroma sta nella parte mediana e medio alta. Inoltre ci sono decine e decine di gradi per classificare i tabacchi, noi non usiamo mai cascami che costerebbero molto poco, ma sempre gradi di qualità elevatissima e da fornitori accreditati ed affidabili. Solo in questo modo evitiamo di perdere tempo in estrazione di tabacchi, che dopo un’analisi risultano non idonei, magari per residui di pesticidi e fitofarmaci.

  • I liquidi premiscelati o pronti sono svapabili immediatamente, ma gli aromi, si evince dal sito, sono anch'essi svapabili immediatamente appena diluiti in base. In effetti non dovrebbero "in un certo senso" riposare per far sì che il PG si leghi con l'aroma?
    • La concentrazione è la chiave di lettura. Devo fare una breve parentesi:  un prodotto organico è composto da sostanze incrostanti quali resine, cere e grassi, ma anche da sostanze buone come i terpeni aromatici. Quello che spesso si ignora è che anche le sostanze buone hanno delle caratteristiche molecolari particolari, per cui evaporando, lasciano residui sulla coil.  L’unico modo per evitarlo è che un liquido “organico” non sia “organico” o che abbia una concentrazione di tali sostanze aromatiche bassa. A quel punto bisogna diluire a percentuali più alte e far amalgamare al meglio l’aroma con la base. Quando un liquido è veramente molto concentrato, il bouquet aromatico si sente in ogni caso anche dopo una bella agitata manuale. Se l’aroma c’e’, si sente, se non c’e’ possiamo pregare sotto la luna ed attendere anni, ma non crescerà mai qualcosa che non esiste.

  • Cosa consigli per una maggiore interpretazione e resa dell'aroma, sia come base e la sua composizione, sia come percentuale da aggiungere di aroma?
    • Per lo svapo di guancia suggerisco una base 50PG 40VG 10H2o, mentre per la diluizione è veramente molto soggettiva, io partirei con i tabacchi biondi al 15%, con i tabacchi scuri come kentucky e Latakia al 10%, ma non sono regole scritte, dipende dal proprio gusto, c’e’ chi il latakia a più del 5-6% non riesce a svaparlo. Di base i nostri aromi sono molto concentrati per cui possiamo veramente risparmiare aroma ed anche tempi per rigenerare. Io svapo sempre tutti gli aromi diluiti  al 15%, ma ultimamente svapo all day una miscela di Burley e Latakia al 6%. Su 47 ml  di base metto 2 ml di burley ed 1 ml di latakia e vado avanti fino a 3-4 tank di kayfun ed essendo all day è delicato e non invadente, ma l’aroma si sente.

      Per lo svapo in cloud sfatiamo il mito che i tabacchi non si svapano in cloud. E’ vero che alcuni si prestano più di altri, ma la cosa è fattibilissima, io ad esempio svapo spesso latakia fatto al 15% su base 80VG 20PG. Va bene anche una base ibrida come la 60VG 40PG sesi parla di liquidi tendenzialmente dolci,  base scelta anche per la nostra special blend in quanto si presta sia allo svapo in cloud, ma anche allo svapo di guancia e rende la miscela di tabacchi più dolce per la presenza di glicerina comunque abbastanza elevata.

  • Pensando al fatto che ogni aroma ha un suo riferimento di tabacco, potremmo pensare di miscelarli per avere liquidi , in un certo senso, personalizzabili?
    • Certamente, la linea nasce proprio per questo scopo.

  • Quanti linee avete in questo momento attive e quali sono i progetti per il futuro?
    • Attualmente abbiamo 3 linee di estratti di tabacco. La linea “Estratti di Tabacco” classica, che comprende 7 diversi prodotti. La linea “Miscele Barrique”,  una versione barrique delle miscele classiche come American Blend, English Mixture e Balkan Mixture che abbiamo intenzione di ampliare perche ha avuto parecchio successo e per finire c’e’ la “Linea Elite”, una linea di tabacchi ricercati dei quali alcuni siamo orgogliosi di aver inserito per primi perché meritano di essere conosciuti, tabacchi veramente particolari come il Mata Fina ed il Bezuki. Di recente, dopo un percorso molto duro di certificazione a norma TPD, abbiamo immesso sul mercato la nostra prima linea di liquidi pronti unitamente alle nostre basi, una 60VG40PG ed una 50PG40VG10H20 che verrà immessa nel mercato a breve,  pensata proprio per la diluizione dei nostri estratti. Nel futuro oltre alla Linea di Macerati La Tabaccheria,  inseriremo altre linee di liquidi pronti ed alcune sorprese che non riveliamo ancora.

Advertisement

Advertisement