Malia Obana (20 anni), figlia dell'ex presidente degli Stati Uniti è stata sorpresa con una sigaretta elettronica mentre lasciava uno spettacolo a Londra .

Il Daily Mail headlin ha evidenziato come la figlia del presidente avesse ereditato i geni fumatori del padre il quale, fumatore da 30 anni, ha smesso con l'ausilio delle gomme alla nicotina. E' confermato, infatti, che lo stesso ex presidente ne porta un pacco con se per quei "momenti di debolezza".

Obama ha firmato la legge sulla prevenzione del fumo e il controllo del tabacco della famiglia del 2009, che ha creato il Centro FDA per i prodotti del tabacco e ha istituito il processo di revisione di tali prodotti che ha permesso alla FDA di soffocare il mercato del vaping.

Certamente, nel 2009 il presidente Obama - come la maggior parte della gente - non aveva mai sentito parlare di sigarette elettroniche ed anche se la FDA aveva già iniziato a prenderle in considerazione sapendo che presto sarebbe andata in tribunale e avrebbe perso contro NJOY, le sigarette elettroniche non erano ancora affermate nel mercato degli strumenti di riduzione del danno. 

Malia sembra aver trovato qualcosa di meglio, rispetto alle scelte del padre. Qualcosa a cui milioni di altri fumatori si sono rivolti invece delle sigarette convenzionali con cui suo padre ha lottato per la maggior parte della sua vita. Da indiscrezioni apparse su diverse testate non è chiaro se la ragazza sia effettivamente un vaper o usi sporadicamente le sigarette elettroniche di certo è stata immortalata con un dispositivo nel paese "dello svapo libero".

Ma chissà cosa accadrà quando tonerà nei suoi amati Stati Uniti dove per poter "svapare" dovrà trovare qualcuno che abbia 21 anni per acquistare i prodotti del settore dato che in quasi tutto lo stato è stata approvata la "Tobacco 21" specialmente nella sua città natale il "Massachusetts".

 

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.