In un articolo pubblicato da "Press Portal" l'associazione "the Swiss association for the prevention of smoking" lancia un attacco diretto alla pubblicità ipocrita di PMI.

Secondo l'associazione Svizzera per la prevenzione del fumo Philip Morris ha creato della campagne pubblicitarie ad hoc mantenendo l'illusione di volere un mondo senza fumo quando invece è soltanto una strategia di marketing.

"Nell'ultimo anno, Philip Morris International ha rimarcato un'affermazione assurda: il gruppo PMI vuole eliminare e debellare il fumo e nelle interviste effettuate, i rappresentanti della multinazionale hanno cantato le lodi di un mondo in cui nessuno fuma. Philip Morris ha anche creato la Fondazione per un mondo senza fumo per raggiungere questo ideale, ma alla multinazionale non interessano i fumatori di per se perchè fumano" .

Pochi giorni da anche il Regno Unito ha constatato che la pubblicità di iQOS induce ad una "discutibile" approvazione del mercato emettendo un avviso formale per Philips Morris International per rimuovere tutti i riferimenti riguardo al termine "più sani" anche se PMI puntualmente nega l'evidenza su tutti i fronti di attacco.

L'associazione Svizzera lancia l'allarme sulla strategia di comunicazione che risulterebbe solo una facciata o una campagna di marketing ben strutturata iniziata già nel 2017 per contrastare un problema che tutta l'industria del tabacco deve affrontare: Le sigarette tradizionali non vengono più vendute come una volta e gli strumenti alternativi sono sempre più utilizzati. [Vapoteurs.net]

Secondo l'associazione l'obiettivo è abbastanza chiaro e sarebbe quello di ridurre la tossicità del tabacco eliminando la combustione ed attivando il riscaldamento che elimina alcune delle sostanze nocive per l'organismo umano soltanto per proporre ed avviare un nuovo mercato:

"Dichiarandosi a favore di un mondo senza fumo, Philip Morris cerca di lasciare la nave nel modo più vantaggioso possibile: la sua professione di fede appiana la sua immagine e gli consente di portare nuovi prodotti in gara. Ha già una soluzione al problema di salute rappresentato dalle sigarette: i nuovi dispositivi elettronici che riscaldano il tabacco e sono sottilmente venduti come un'alternativa alla moda e meno dannosi. In Svizzera, questo nuovo prodotto si chiama iQOS. Si tratta solo di sradicare "le sigarette e tutte le altre forme di tabaccoconvenzionale", come spiega il sito web della fondazione. "

E per sottolineare le sue osservazioni:

"In Svizzera, Philip Morris dice di essere preoccupato per la salute della popolazione dei fumatori, ma ovviamente, quando un rappresentante di un gruppo sogna un" mondo senza fumo ", non parla del mondo intero. Non parla nemmeno della Svizzera, ma non significa niente, ma suona bene e può potenzialmente portare denaro ".

 

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.