Il mercato Sudafricano delle sigarette elettroniche sta vivendo una evoluzione senza precedenti. Il portavoce dell'associazione VPASA supporta attivamente il settore per poter portare nuovi posti di lavoro.

Ha creato oltre 4000 posti di lavoro sia all'ingrosso che al dettaglio il settore del vaping in Sud Africa fino ad oggi. Per Fidel Hadebe, portavoce dell'Associazione Vaping Products of South Africa (VPASA):

"Questo è solo l'inizio. In dieci anni, il settore potrebbe creare fino a 10.000 posti di lavoro."

Tali dati vengono rilevati dalla conferenza a Johannesburg che si è appena conclusa dove VPASA spera anche di anche di reprimere la nuova legge che si sta facendo avanti e che potrebbe danneggiare l'industria del vaping applicando severi regolamenti.

Attualmente il governo sudafricano vuole attuare una politica di regolamentazione che porterebbe al pari sia le sigarette elettroniche che i prodotti del tabacco. VPASA lotta attivamente affinché queste limitazioni non prendano piede.

"Non ha senso applicare gli stessi regolamenti per il tabacco e le sigarette elettroniche. Numerosi studi hanno dimostrato che lo svapo è del 95% meno dannoso del tabacco . Dovrebbe quindi beneficiare di una regolamentazione più mite, visto che il vaping non ha lo stesso impatto negativo sulla salute."

Canback Consulting stima che il mercato dello svapo sudafricano sia in aumento secondo la tendenza globale. Per il momento, tuttavia, è ancora nelle prime fasi di sviluppo, e affinché il mercato continui a salire, le misure restrittive non devono ostacolarlo.

Secondo Zodwa Velleman, presidente della South African Association of Vaping Products, il settore deve essere protetto. In termini di creazione di posti di lavoro e benefici per la salute pubblica in quanto la sigaretta elettronica è un vantaggio per chi vuole smettere di fumare. Velleman spera che il governo riesamini i nuovi regolamenti e consideri solo quanto le  sigarette elettroniche possono aiutare i fumatori.

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.