Nuovo progetto a cura degli scienziati dell'Oak Ridge National Laboratory ha recentemente creato un modo per prevenire le potenziali esplosioni delle batterie.

Un team di scienziati Guidato dal Dr. Gabriel Veith dell'Oak Ridge National Laboratory - Tennessee - (ORNL) ha recentemente pubblicato i risultati di una ricerca su un nuovo modo di prevenire le potenziali esplosioni delle batterie. 

"Ripensare al concetto tradizionale delle batterie in modo che le barriere tra gli elettrodi abbiano molto meno probabilità di fallire" , come riportato su ChurnMag

Hanno così avuto l'idea di aggiungere allo strato di litio liquido che già separata porzioni della batteria, una soluzione di nanoparticelle di silice che lasciano quindi reagire il fluido che si solidificherebbe rapidamente se sottoposto a una variazione (sia di temperatura che di pressione) improvvisa. 

Una soluzione che, secondo i ricercatori, non solo ridurrebbe il rischio di esplosione, ma anche il rischio generale di degassificazione.

Sebbene il processo scoperto sia poco costoso e richiederebbe solo una semplice ricalibrazione delle macchine già in uso nel settore, gli scienziati sono stati scettici sul fatto che i produttori utilizzeranno questo nuovo metodo di progettazione. 

 

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.