Il report intitolato "Vapor products, harm reduction, and taxation: Principles, evidence, and a research agenda" scritto dal capo economista Eric Fruits di ICLE ha analizzato le attuali politiche in materie di tasse sulle sigarette elettroniche globali.

Il report-studio pubblicato da ICLE a cura del capo economista "Eric Fruits" ha analizzato le attuali politiche in materia di tasse sulle sigarette elettroniche e le altre alternative a rischio ridotto e non sorprende che le imposte su questa tipologia di prodotti non sempre riflettano i loro benefici per la salute pubblica. 

"In particolare, vi è una mancanza di lavoro economico e politico che identifica, dà priorità e valuta gli scambi - fondamentalmente, tra riduzione del danno e generatori di reddito - che dovrebbe guidare la formulazione della politica fiscale per tali prodotti", ha affermato l'ICLE.

Il documento sollecita gli economisti e i ricercatori della politica "sanitaria" a prendere in considerazione questi risultati richiedendo urgentemente l'analisi degli  "gli effetti sul benessere che le varie politiche sulla tassazione delle sigarette elettroniche e prodotti simili portano o potrebbero portare in futuro “.

Estratto del report:

La maggior parte dei danni causati dal fumo è causata dall'inalazione di sostanze tossiche rilasciate attraverso la combustione del tabacco. I sistemi di consegna di nicotina (comprese le sigarette elettroniche, i riscaldatori di tabacco e lo snus) sono generalmente considerati molto meno dannosi delle sigarette convenzionali e molti fumatori che altrimenti non sarebbero in grado o non vogliono smettere di fumare stanno passando a questi prodotti a rischio ridotto.

Nel tentativo di incoraggiare questo comportamento, alcuni governi hanno scelto di imporre tasse più basse su tali dispositivi che sulle loro alternative più dannose (le convenzionali). Allo stesso tempo, tuttavia, molti governi sono preoccupati che l'applicazione di aliquote fiscali più basse a prodotti meno dannosi ridurrà le entrate a breve termine e potrebbe anche tradursi in più elevati tassi di diffusione nella gioventù. Ciò rappresenta una sfida per i sostenitori della riduzione del danno, i quali ritengono che i fumatori che spingono i pazienti a passare a prodotti meno dannosi apporterebbero notevoli benefici sociali e sulla salute.

 

La valutazione di questo svambio è fondamentale per la progettazione e l'attuazione di politiche fiscali ottimali per i prodotti i prodotti a rischio ridotto - e tuttavia, ad oggi, non è stata effettuata alcuna valutazione di questo tipo:

  • Oggi più di 20 paesi hanno introdotto tasse sulle sigarette elettroniche e altri prodotti a base di vapore. Negli Stati Uniti (per esempio), diversi stati e giurisdizioni locali hanno emanato tasse sulle sigarette elettroniche. Sfortunatamente, non esiste praticamente alcuna base empirica per nessuna di queste politiche, e i loro effetti sulle entrate sanitarie e governative sono semplicemente sconosciute.
  • Nel lungo periodo, gli obiettivi di ridurre o eliminare il consumo di un bene tassato e di generare entrate da esso sono in conflitto. Se una tassa ha successo nel ridurre i consumi, probabilmente non riesce a generare entrate. Allo stesso modo, se una tassa riesce a generare entrate, probabilmente non sarà in grado di ridurre o eliminare il consumo.
  • Ma allo stesso tempo, la conseguenza di una tassazione eccessiva di un prodotto potrebbe essere il consumo di beni alternativi che costano meno ma causano danni ancora maggiori (vedi sigarette convenzionali). Non è solo il livello assoluto di tassazione che conta, ma anche il livello relativo alle alternative.
  • Sfortunatamente, i confronti tra prodotti diversi sono estremamente difficili. Non solo è complicato valutare le aliquote fiscali relative ai prodotti differenziati, ma l'effetto della stessa aliquota fiscale nominale sulle decisioni dei consumatori varierà da prodotto a prodotto.
  • La ricerca empirica in questa categoria di prodotti relativamente nuova e dinamica è scarsa. Gli studi sulla domanda dei consumatori a fronte di cambiamenti nei prezzi e nella tassazione forniscono un'ampia gamma di stime con vari gradi di affidabilità.
  • La ricerca attuale riconosce che le politiche più restrittive eliminerebbero efficacemente le sigarette elettroniche come una valida alternativa al fumo, mentre le più permissive potrebbero promuovere l'uso delle sigarette elettroniche e potenzialmente incoraggiare l'utilizzo di tali dispositivi ai giovani. Realisticamente, si tratta di problemi empirici di grado, piuttosto che di questioni teoriche dell'uno o dell'altro.
  • Tra questi due estremi ci sono politiche che possono scoraggiare i giovani nel cominciare ad usare le sigarette elettroniche, incoraggiando gli attuali fumatori a passare a sigarette elettroniche meno dannose.
  • Ma se una qualsiasi di queste politiche si allineerà anche alle preferenze dei legislatori per la generazione di entrate e la loro tolleranza per i risultati sanitari più poveri non è chiaro.

Mentre v'è una crescente ricerca per quanto riguarda la chimica, tossicologia, e gli aspetti clinici dei prodotti legati al vapore, c'è poca ricerca su come la politica possa soffocare questo settore. Le politiche che richiedono ulteriori ricerche includono:

  1. Tassazione e determinazione dei prezzi dei prodotti, in particolare per quanto riguarda i prodotti combustibili;
  2. Quantificazione dell'impatto economico dell'aumentata longevità;
  3. Quantificazione dell'impatto dei prodotti di vapore sulle spese sanitarie legate al fumo

La ricerca dovrebbe essere mirata alla valutazione di quali politiche porterebbero avanti obiettivi di riduzione del danno al minor costo per consumatori e produttori, promuovendo al tempo stesso l'innovazione. In particolare, le politiche dovrebbero essere valutate sulla base di prove empiriche che dimostrino fino a che punto converrebbe aumentare gli utenti attuali di sigarette convenzionali che passano ad una alternativa più sicura; diminuire i prezzi per dare la possibilità a tutti di poter passare a queste alternative; scoraggiare l'utilizzo di tali dispositivi nei giovani e incoraggiare gli investimenti nell'innovazione di tali prodotti per renderli più sicuri.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.