Un passeggero su un volo della Air Cina è stato trattenuto per cinque giorni per aver fumato una sigaretta elettronica nel bagno dell'aereo.

E' successo il 29 settembre 2018 sulla tratta tra Hangzhou e la città di Changchun su un volo Air China; sfidando la mancanza di regolamenti nazionali da parte del paese un passeggero ha svapato nel bagno dell'aereo e successivamente è strato trattenuto dalle autorità per 5 giorni in stato di detenzione. 

La detenzione arriva sulla scia di un incidente accaduto a luglio di quest'anno, quando un aereo Air China è stato costretto a scendere al di sotto dei 25.000 piedi in 10 minuti dopo che il co-pilota ha spento l'aria condizionata della cabina portando ad una diminuzione dei livelli di ossigeno innescando un sistema di allarme di emergenza solo perchè voleva svapare.

Mentre le compagnie aeree nazionali hanno normative sulle sigarette elettroniche, la Cina - il più grande produttore mondiale di sigarette elettroniche - non ha leggi nazionali sulla regolamentazione del loro uso o produzione.

Ma gli esperti chiedono che questo cambi, affermando che le restrizioni sul fumo delle sigarette elettroniche, o il vaping, non dovrebbero limitarsi agli aerei, ma dovrebbero anche essere inclusi nel divieto , attuale, di fumo nei luoghi pubblici sopratutto nelle maggiori città tra cui Pechino, Shanghai e Shenzhen.

 

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.