Detenendo il 75% delle attuali quote di mercato riguardanti le sigarette elettroniche Juul dopo l'unione con Altria farà partire questa estate la sua prima campagna pubblicitaria televisiva.

Sono passati soltanto due mesi da quando Juul ha deciso di non vendere più ricariche aromatizzate nei negozi adeguandosi alle disposizioni richieste dalla FDA statunitense che richiedeva di eliminare tutte quelle aromatizzazioni attraenti per i ragazzi e poco più di un mese per l'entrata di Altria nell'azienda che la società ha in programma di lanciare la sua prima campagna pubblicitaria televisiva.

Gli spezzoni pubblicitari, secondo indiscrezioni delle CBNC, che dovrebbero essere trasmessi questa estate, includeranno testimonianze di adulti che hanno usato il dispositivo per smettere di fumare.

Sempre secondo indiscrezioni le pubblicità televisive sarebbero costate al colosso americano delle sigarette elettroniche ben 10 milioni di dollari ed andranno in onda su canali via cavo nazionali dopo le 22. Secondo i dirigenti, tali pubblicità, sono rivolte agli adulti con più di 35 anni in quanto, come detto prima, includeranno esperienze di cessazione di ex-fumatori di età compresa tra i 37 e i 54 anni.

Essendo limitata la possibilità di fare pubblicità in televisione o sui messi di stampa alle sigarette tradizionali è una mossa particolarmente interessante in quanto le stesse regole devono ancora essere applicate alle sigarette elettroniche.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.