La decisione, presa dopo svariati incidenti in volo, è stata adottata da quasi tutte le compagnie aeree cinesi.

A seguito dell'incidente avvenuto a luglio che ha portato all'atterraggio d'emergenza per un aereo della compagnia "Air Cina" dopo che il copilota aveva disattivato i sistemi di aerazione per evitare che il vapore entrasse in cabina, sembrava essere bastata la sua estromissione dal volo ma, la compagnia ha deciso di vietare categoricamente l'uso di sigarette elettroniche nelle cabine di pilotaggio con severe disposizioni e sanzioni.

La decisione, in effetti, è stata immediatamente inoltrata anche dalle compagnie aree cinesi, martedì scorso, che hanno vietato tale utilizzo delle sigarette elettroniche:

"l'Amministrazione cinese dell'aviazione civile annuncia che tutte le compagnie aeree cinesi hanno ordinato di vietare immediatamente il fumo in cabina di pilotaggio e punire severamente i membri dell'equipaggio che violano questa norma. Si è infatti ordinato alle compagnie aeree di sospendere i membri dell'equipaggio che fumano compresi quelli che utilizzano le sigarette elettroniche per dodici mesi dalla prima infrazione e trentasei mesi in caso di recidiva." I membri dell'equipaggio che non segnaleranno eventuali abusi dovranno anch'essi affrontare una sospensione di sei mesi.

L'amministrazione ha chiesto alle compagnie aeree di condurre ispezioni in loco e chiesto a tutti i membri dell'equipaggio di garantire le giuste norme comportamentali. La regole valgono anche per tutti i bagni dell'aereo in quanto Zhang Qihuai, avvocato di Pechino specializzata nel settore dell'aviazione civile, ha dichiarato:

"Se i fumatori o gli svapatori non possono fumare in cabina non c'è motivo che i piloti o co-piloti debbano farlo, sopratutto perché sono responsabili della sicurezza dei passeggeri".

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.