Ecco come prevista l'evoluzione dei tabaccai francesi che vedono nelle sigarette elettroniche, e nelle diversificazioni della proposta ai fumatori, uno spiraglio di luce.

Negli ultimi anni i tabaccai hanno subito un drastico calo delle vendite e il 2018 è stato un anno particolarmente difficile. In media, ogni negozio ha registrato un calo del 9,32% delle vendite di tabacco, equivalenti a 40,23 miliardi di sigarette. Per aiutare i tabaccai, il governo ha recentemente istituito un "piano di trasformazione".

In Francia, 24.500 tabaccai continuano a lottare per la sopravvivenza nonostante il costante aumento dei prezzi del tabacco. Negli ultimi 15 anni, 8.000 tabaccai hanno dovuto chiudere i battenti . Per combattere questo preoccupante fenomeno, il "piano di trasformazione" del governo assegnerà 80 milioni di euro al settore in difficoltà. L'obiettivo è consentire a varie sedi di iniziare a vendere nuovi prodotti.

Oggi il 60-80% di tutte le entrate del tabaccaio proviene dalle vendite di tabacco. Con gli 80 milioni di euro di sussidi, il governo spera che i tabaccai possano iniziare a vendere nuovi prodotti e proporre nuovi servizi ai propri clienti. È stata assegnata una somma massima di 33.000 euro per località per consentire nuove costruzioni e attrezzature, e il sussidio è limitato al 40% dell'investimento totale.

Per i tabaccai, una delle opzioni è sviluppare un punto vendita, laterale alle sigarette, per i prodotti vaping . Questo mercato, a lungo ignorato dai tabaccai, ha catturato l'attenzione della maggior parte della clientela complice anche il #mesesenzatabacco appena concluso. Oggi le vendite di sigarette elettroniche continuano a salire e le previsioni indicano che il vantaggio continuerà per tutto il 2019. Per distinguersi dalla concorrenza, è imperativo che i gestori di questi tabaccai offrano prodotti e servizi aggiuntivi. [Blogvape.com]

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.