Dopo l'apertura dell'inchiesta da parte della autorità australiane ecco la replica di Philip Morris. A parlare è il direttore Internazionale della Comunicazione Globale "Tommaso di Giovanni".

Le autorità australiane hanno aperto un'indagine (come esposto nel nostro precedente articolo) per determinare se la Ferrari rispetta la legge anti-tabacco in Australia in quanto ad essere contestato è proprio il disegno che appare sulla livrea della vettura "Mission Winnow" che sembrerebbe solo una strategia di marketing per eludere le norme sulla legge sul tabacco e fare pensare indirettamente al marchio Marlboro.

Misson Winnow è un marchio registrato lo scorso anno che come intento ha quello di sensibilizzare circa i rischi provocati dal fumo, con l’obiettivo di spostare il fumo del tabacco verso quello elettronico. A partire dal Gran Premio del Giappone 2018, il loro marchio è apparso sulla livrea della Ferrari SF71H.

L’inchiesta non pare comunque preoccupare Philip Morris, che tramite il proprio Direttore Internazionale della Comunicazione Globale "Tommaso di Giovanni", ha assicurato sulla conformità alle leggi pubblicitarie del marchio di tabacco:

“L’iniziativa, i simboli ed i loghi utilizzati sulla livrea della Scuderia Ferrari - Mission Winnow - e sul sito Web sono conformi alle leggi applicabili alle nostre attività in Australia e nello Stato di Victoria”. Siamo a conoscenza del dibattito su Mission Winnow in Australia e stiamo lavorando con gli organizzatori del Grand Prix per comprendere le preoccupazioni delle autorità e dare loro una risposta.”

“Mission Winnow non promuove i prodotti o le marche di prodotti della nostra azienda, ma è progettato per parlare del nostro impegno a migliorare noi stessi in tutto ciò che facciamo. Mission Winnow è una finestra per la nuova Philip Morris International ed i nostri partner, per il nostro impegno e gli stimoli che ci spingono a migliorare ed evolvere".

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.