I tabaccai austriaci, colpiti dal calo delle vendite di sigarette, potrebbero trovare la salvezza nel crescente mercato delle sigarette elettroniche e di altre alternative al tabacco.

I tabaccai austriaci sono colpiti, quest'anno, da un improvviso calo nelle vendite delle sigarette e potrebbero tentare di trovare la salvezza nelle sigarette elettroniche e nelle alternative al tabacco.

Mentre la campagna Don’t Smoke, attuata il 1° gennaio 2019 che limita l'età di acquisto per le sigarette elettroniche e prodotti simili a 18 anni - precedenza l'età minima per acquistare prodotti correlati al tabacco era 16 anni - , ha avuto quest'anno un effetto negativo sui tabaccai; i dati dello scorso anno mostrano che le vendite di tabacco sono diminuite del 3,5% mentre le entrate, per i tabaccai, sono aumentate del 5% tutto grazie alla crescente popolarità delle sigarette elettroniche. 

Il presidente del Consiglio austriaco dei tabaccai, Josef Pirschl, ha dichiarato, ai media austriaci, che dopo alcuni anni di "siccità" dovuti all'aumento dei prezzi del tabacco, l'anno scorso è stato un buon risultato per i tabaccai ma non per il tabacco, come sopra spiegato, in quanto si sta pensando di variare l'alternativa e proporre anche le sigarette elettroniche o i riscaldatori di tabacco per non far scendere il guadagno. 

Il sostituto di Pirschl, Otmar Schwarzenbohler, ha dichiarato a ECigIntelligence che gli acquirenti predisposti alle sigarette elettroniche possono essere molto esigenti:  "All'inizio, c'era molta euforia, ma al giorno d'oggi i clienti non vogliono prodotti complicati in cui devono ricaricare liquidi".

Schwarzenbohler ritiene che i sistemi chiusi come i riscaldatori di tabacco saranno la tendenza futura in Austria, come in molti altri paesi europei. E ha aggiunto: "Avremo alcuni sconvolgimenti nel mercato delle sigarette elettroniche in Austria".

La tendenza al rialzo delle vendite delle sigarette elettroniche e dei sostituti del tabacco può essere attribuibile a diversi sviluppi, tra cui la proposta di alcuni membri del parlamento di rafforzare il disegno di legge per proteggere i non fumatori imponendo un divieto generale di fumo nei ristoranti, divieto discusso solo pochi giorni fa alla commissione parlamentare sulla salute.

nel 2014 un emendamento alla legge sul monopolio del tabacco ha stabilito che i liquidi per sigarette elettroniche contenenti nicotina (comprese le pod precaricate) potevano essere venduti legalmente, ma solo attraverso punti vendita appartenenti a MVG, il monopolio austriaco del tabacco, ma la Corte costituzionale austriaca ha respinto l'emendamento perché le giustificazioni per la sua introduzione - la salute pubblica e la protezione dei minori - non erano abbastanza forti da compensare il diritto dei dettaglianti di gestire i propri guadagni.

ECigIntelligence stima che il mercato delle sigarette elettroniche in Austria valesse circa 70 milioni di euro nel 2018 di contro i dati del Consiglio austriaco dei tabaccai sono molto più alti, mettendo le vendite del 2018 tra 75 e 90 milioni di euro.

L'aumento del prezzo del tabacco e le politiche più severe nei confronti del fumo potrebbero paradossalmente avvantaggiare il settore del tabaccaio in Austria se. quest'ultimo, prende consapevolezza del mercato delle sigarette elettroniche e delle alternative al tabacco. 

Ciò ricorda la situazione in Franciadove i tabaccai stanno adottando un nuovo approccio di business che pone i prodotti del settore del vaping al centro delle loro attività. Mentre il governo francese sta aiutando i tabaccai a diversificare verso nuovi prodotti alternativi, ciò non sta accadendo per il momento in Austria.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.