Arriva una brutta notizia dall’Australia, dove un bambino di soli 19 mesi è morto dopo aver ingerito della nicotina liquida.

Stando a quanto riportato dall’Australian Associated Press (AAP), un bambino di soli 19 mesi ha perso la vita nel mese di giugno dopo aver ingerito del liquido contenente nicotina della madre. La confezione era stata incautamente lasciata alla portata del piccolo che senza sapere ovviamente del pericolo in cui stava andando incontro l’ha presa e l’ha ingerita, appena accortasi dell’accaduto la madre lo ha portato immediatamente all’ospedale di Melbourne ma purtroppo i danni erano tali che dopo 11 giorni il bambino purtroppo è morto.

Lunedì scorso la donna è stata convocata dal tribunale australiano e all’interno delle sue dichiarazioni ha ammesso di aver acquistato della nicotina per poi miscelarla con la base e l’aroma che aveva in casa per creare un liquido che la aiutasse a smettere di fumare. Purtroppo però non possiamo non sottolineare la negligenza del genitore che ha lasciato il prodotto alla portata del figlio e probabilmente anche aperto (visto che la maggior parte di questi contenitori è dotata di una chiusura a prova di bambino). Ricordiamo inoltre che attualmente in Australia è vietata la vendita di liquidi contenenti nicotina e quindi l’acquisto fatto dalla madre con tutta probabilità potrebbe risultare illegale.

La famiglia si è detta devastata per quanto accaduto e ovviamente non abbiamo bisogno di sottolineare il dolore e la rabbia che la madre deve provare in questo momento. Tale episodio però ancora una volta porta sotto la luce dei riflettori un lato negativo inerente alla sigaretta elettronica, il quale potrebbe tranquillamente essere tenuto a bada con una maggior attenzione da parte dei genitori o comunque di chiunque faccia uso del prodotto.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.