JUUL interromperà in maniera indefinita le vendite delle pod aromatizzate per la sigaretta elettronica più famose degli Stati Uniti combattendo, inoltre, una mancanza di fiducia da parte dei consumatori.

 

In attesa di una revisione da parte della Food and Drug Administration (FDA), JUUL ha dichiarato giovedì che sospenderà le vendite dei suoi aromi non a base di tabacco e non a base di mentolo negli Stati Uniti. Le pod aromatizzate - che vanno dalla frutta alle creme - sono disponibili sul mercato interno solo attraverso il sito Web dell'azienda, che, a quanto afferma la stessa azienda, ha severi controlli di verifica dell'età.

La mossa arriva dopo le crescenti preoccupazioni riguardo alle sigarette elettroniche - una volta lodate come un'alternativa meno dannosa alla forma tradizionale - e, in particolare, le versioni dei dispositivi aromatizzate dalle aziende, dicono i regolatori, hanno incoraggiato lo svapo minorile.

La start-up ha riconosciuto "la mancanza di fiducia nel settore del vaping e di conseguenza della riduzione del danno da fumo tramite i dispositivi a rischio ridotto" e ha affermato di considerare le pratiche della Food and Drug Administration come il modo migliore per determinare quale ruolo i suoi prodotti potrebbero svolgere nell'aiutare i fumatori adulti a cessare con le sigarette tradizionali, tenendole anche lontane dai minori.

"Dobbiamo ripristinare il settore di riduzione del danno guadagnando la fiducia della società e collaborando con regolatori, responsabili delle politiche e parti interessate per combattere l'uso dei minorenni fornendo un'alternativa solo ai fumatori adulti". - ha affermato il nuovo amministratore delegato, K.C .Crosthwaite, in una nota

Esperti medici statunitensi hanno legato centinaia di casi di danni ai polmoni alle sigarette elettroniche ed almeno 30 decessi a livello nazionale sono stati collegati a malattie legate causate dalle sigarette elettroniche.

JUUL non è stato accusato da ufficialmente per le misteriose malattie, ma si è trovato nel mirino. Crosthwaite ha assunto l'incarico a settembre e ha iniziato una revisione delle politiche e delle pratiche dell'azienda, incluso l'interruzione di tutta la pubblicità del prodotto negli Stati Uniti e l'astensione dal fare pressioni sul governo sulla sua bozza di orientamento. L'incertezza sul futuro di JUUL è stata uno dei principali fattori nella rottura dei colloqui di fusione di $ 200 miliardi tra Altria e Philip Morris International.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.