La annuale iniziativa dell'Organizzazione mondiale Sanità 

“World No Tobacco Day 2020”, la giornata per dire no al tabacco ed alla nicotina. Cadrà in data Domenica 31 Maggio l'appuntamento annuale promosso su scala planetaria dall'Organizzazione mondiale della Sanità.
Il tutto al fine di diffondere una cultura di informazione tesa a contrastare la particolare pratica.
Se nelle ultime due edizioni la “Giornata mondiale” aveva avuto quale focus, rispettivamente, le malattie cardiache e quelle polmonari, quest'anno l'attenzione è tutta rivolta verso i giovani.
Al cospetto di un fenomeno che miete 8 milioni di vittime annualmente, le campagne pubblicitarie di talune grandi multinazionali del fumo strizzano l'occhio, spesso e volentieri, anche alle fasce giovanili. Non esitando a ricorrere a tattiche e meccanismi di marketing molto seduttivi.
Creare quindi una contro-informazione ed una consapevolezza negli adolescenti al fine di fornire a questi gli strumenti per individuare le tattiche di una pubblicità spesso ingannevole. E nociva.

Questo l'obiettivo Oms i cui vertici commentano
"La campagna globale - viene spiegato - sfaterà i miti ed esporrà tattiche subdole impiegate da queste industrie. Fornirà ai giovani le conoscenze necessarie per rilevare facilmente la manipolazione del settore e fornire loro gli strumenti per respingere tali tattiche. 
Ciò è particolarmente importante in questo momento
- espongono ancora dall'agenzia internazionale con un particolare riferimento alla presente contingenza epidemiologica - poiché gli studi dimostrano come i fumatori presentino un rischio maggiore per un caso grave di Coronavirus. 
L'Oms invita tutti i giovani a unirsi alla lotta per diventare una generazione senza tabacco”. “

L’invito di questa giornata – così, invece, dalla Liaf - rimane quello di provare ad astenersi per 24 ore dal fumo di sigaretta ed iniziare a pensare di rivolgersi a servizi di smoking cessation, durante i quali il fumatore è accompagnato in un percorso graduale di abbandono del vizio attraverso un counselling individuale , terapie di gruppo e prescrizione di prodotti sostitutivi della nicotina o di farmaci per la disassuefazione. Percorso che, come dimostrano i dati dei centri antifumo di Catania, può avvenire - proseguono dalla Lega italiana antifumo - grazie all’utilizzo di strumenti a rischio ridotto, come la sigaretta elettronica, ormai riconosciuta come un’alternativa valida e più sicura per smettere di fumare".