FDA: Nuovo studio sulle Ecig. Le cause di ustioni sono da imputare alle batterie.

Studio FDA che evidenzia il problema "ustioni" da sigaretta elettronica da imputare - secondo lo studio - all'uso scorretto della batterie..

Il vaping sembra essere sotto attacco in tutto il mondo. Visto da alcuni come alternativa - sicura - al fumo da altri è visto invece non solo come settore da non proteggere ma come prodotto ad elevato rischio per la salute. Studi sono stati effettuati falsando i risultati o alternativamente sbagliandoli. La FDA (Food and Drug Administration - ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici) ha da sempre attuato studi per capire meglio il problema relativo alle sigarette elettroniche.

Già nel gennaio dello scorso anno l'ente governativo aveva annunciato per aprile 2017 un "Workshop sulla sicurezza delle batterie" e ad oggi si concentra l'attenzione su uno studio del Centro per i prodotti del tabacco della stessa FDA che offre alcune informazioni sulle cause delle ustioni derivate dalle -  batterie delle - sigarette elettroniche. La ricerca è stata condotta da dipendenti di CTP e pubblicata sulla rivista Injury Epidemiology . Tali risultati non sorprendono le persone che militano nel settore ma coloro che sono contro il vaping potrebbero trovare - da quest'ultimi -  motivo di allarmismo.

La linea di fondo è - tralasciando il problema dell'usabilità corretta dell'utente della sigaretta elettronica - quella che si possono evitare problematiche di esplosioni, ustioni o quant'altro semplicemente educando l'utente sulla sicurezza delle batterie.

I ricercatori della FDA hanno analizzato i dati pervenuti nel 2016 del National Electronic Injury Surveillance System (NEISS), che fa parte della Consumer Product Safety Commission (CPSC). NEISS raccoglie i dati sugli infortuni da un campione rappresentativo di ospedali e quindi crea una stima degli infortuni a livello nazionale basata sul campione.

Il numero di ustioni da batterie correlate al vaping che hanno portato a visite al pronto soccorso segnalate da NEISS nel 2016 è stato di 26. Ciò si traduce in una stima nazionale di 1.007 ustioni. Le relazioni degli ospedali comprendono una breve descrizione dell'incidente che ha portato alla lesione e identificano il prodotto associato alla lesione. Gli autori dello studio, però, prendono molto alla leggera questi dati in quanto è possibile che alcune ustioni non siano così gravi da portare l'utente ad andare in ospedale potendosi curare anche da un medico o in casa, come potrebbero esserci gravi ustioni -  di contro -  trattate in centri specializzati.

I ricercatori della FDA affermano che secondo il loro studio, il 77,3 % degli infortuni nel 2016 riguardava la parte superiore della gamba o il tronco inferiore (coscia, addome, fianchi, inguine) - pertanto si può evincere che la maggior parte delle ustioni proviene da una "non conoscenza" del pericolo di portare le batterie in tasca senza protezione o ad un uso non corretto della e-cig. 

L'ustione più comune era quella nel braccio (19,7%). Solo il 3,1% riguardava altre parti del corpo (testa, collo, parte superiore del busto, arti inferiori e piedi).

Ma il dato che scecondi i ricercatori è più allarmante è quello del 18,9 percento degli infortuni che è stato subito da persone di 18 anni o meno.

L'idea di fondo è che la maggior parte delle ustioni può essere facilmente evitata con un po 'di educazione sulla sicurezza della batterie anche se molti vapeshop si stanno adeguando nell'informare e spiegare bene le funzioni, i rischi e l'utilizzo delle sigarette elettronica - o meglio delle batterie in essa contenute - lo studio evidenzia come poi nella sfera privata tali rischi non si prendono in considerazione.

Lo studio evidenzia come difficilmente la degassazione o l'esposione della batterie deriva dalla box o dalla sigaretta elettronica  - intesa come hardware - ma tali problemi sono da imputare ad un uso scorretto batterie in essa contenute. (batterie vicino a chiavi senza protezione, wrapping non idonei o lacerati, utilizzo di caricabatterie o batterie improprie e occasionalmente utilizzo di resistenze non idonee o molto basse che la batteria non può supportare).

FDA: Nuovo studio sulle Ecig. Le cause di ustioni sono da imputare alle batterie.

FDA: Nuovo studio sulle Ecig. Le cause di ustioni sono da imputare alle batterie.

Studio FDA che evidenzia il problema "ustioni" da sigaretta elettronica da imputare - secondo lo studio - all'uso scorretto della batterie..

Il vaping sembra essere sotto attacco in tutto il mondo. Visto da alcuni come alternativa - sicura - al fumo da altri è visto invece non solo come settore da non proteggere ma come prodotto ad elevato rischio per la salute. Studi sono stati effettuati falsando i risultati o alternativamente sbagliandoli. La FDA (Food and Drug Administration - ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici) ha da sempre attuato studi per capire meglio il problema relativo alle sigarette elettroniche.

Già nel gennaio dello scorso anno l'ente governativo aveva annunciato per aprile 2017 un "Workshop sulla sicurezza delle batterie" e ad oggi si concentra l'attenzione su uno studio del Centro per i prodotti del tabacco della stessa FDA che offre alcune informazioni sulle cause delle ustioni derivate dalle -  batterie delle - sigarette elettroniche. La ricerca è stata condotta da dipendenti di CTP e pubblicata sulla rivista Injury Epidemiology . Tali risultati non sorprendono le persone che militano nel settore ma coloro che sono contro il vaping potrebbero trovare - da quest'ultimi -  motivo di allarmismo.

La linea di fondo è - tralasciando il problema dell'usabilità corretta dell'utente della sigaretta elettronica - quella che si possono evitare problematiche di esplosioni, ustioni o quant'altro semplicemente educando l'utente sulla sicurezza delle batterie.

I ricercatori della FDA hanno analizzato i dati pervenuti nel 2016 del National Electronic Injury Surveillance System (NEISS), che fa parte della Consumer Product Safety Commission (CPSC). NEISS raccoglie i dati sugli infortuni da un campione rappresentativo di ospedali e quindi crea una stima degli infortuni a livello nazionale basata sul campione.

Il numero di ustioni da batterie correlate al vaping che hanno portato a visite al pronto soccorso segnalate da NEISS nel 2016 è stato di 26. Ciò si traduce in una stima nazionale di 1.007 ustioni. Le relazioni degli ospedali comprendono una breve descrizione dell'incidente che ha portato alla lesione e identificano il prodotto associato alla lesione. Gli autori dello studio, però, prendono molto alla leggera questi dati in quanto è possibile che alcune ustioni non siano così gravi da portare l'utente ad andare in ospedale potendosi curare anche da un medico o in casa, come potrebbero esserci gravi ustioni -  di contro -  trattate in centri specializzati.

I ricercatori della FDA affermano che secondo il loro studio, il 77,3 % degli infortuni nel 2016 riguardava la parte superiore della gamba o il tronco inferiore (coscia, addome, fianchi, inguine) - pertanto si può evincere che la maggior parte delle ustioni proviene da una "non conoscenza" del pericolo di portare le batterie in tasca senza protezione o ad un uso non corretto della e-cig. 

L'ustione più comune era quella nel braccio (19,7%). Solo il 3,1% riguardava altre parti del corpo (testa, collo, parte superiore del busto, arti inferiori e piedi).

Ma il dato che scecondi i ricercatori è più allarmante è quello del 18,9 percento degli infortuni che è stato subito da persone di 18 anni o meno.

L'idea di fondo è che la maggior parte delle ustioni può essere facilmente evitata con un po 'di educazione sulla sicurezza della batterie anche se molti vapeshop si stanno adeguando nell'informare e spiegare bene le funzioni, i rischi e l'utilizzo delle sigarette elettronica - o meglio delle batterie in essa contenute - lo studio evidenzia come poi nella sfera privata tali rischi non si prendono in considerazione.

Lo studio evidenzia come difficilmente la degassazione o l'esposione della batterie deriva dalla box o dalla sigaretta elettronica  - intesa come hardware - ma tali problemi sono da imputare ad un uso scorretto batterie in essa contenute. (batterie vicino a chiavi senza protezione, wrapping non idonei o lacerati, utilizzo di caricabatterie o batterie improprie e occasionalmente utilizzo di resistenze non idonee o molto basse che la batteria non può supportare).