L'isola di Man nell'Europa settentrionale adotta la E-cig come specifico metodo contro il fumo nel penitenziario di Jurby ed è un successo senza precedenti.

E' L'isola di Man (conosciuta anche come Mann, territorio situato in Europa settentrionale, nel Mar d'Irlanda, sul quale il governo locale esercita la propria giurisdizione effettivamente, ma la cui responsabilità è affidata al Regno Unito. Non fa dunque parte del Regno Unito, né dell'Unione europea, né del Commonwealth delle nazioni) e precisamente il carcere ivi presente oggetto del progetto "E-cig in carcere" partito circa 6 mesi fa dopo che nel 2008 il divieto di fumo all'interno del penitenziario portava i detenuti a utilizzare metodi alternativi come cerotti alla nicotina o foglie di banana e di tè - illeciti - che sostituivano al tabacco per poter essere fumate.

Il rapporto redatto a Febbraio di quest'anno evidenzia (dopo 6 mesi dall'attivazione del progetto) - come specifica un articolo della BBC - che all'interno del carcere c'è un clima " più calmo e sicuro", dopo l'introduzione delle sigarette elettroniche che ha visto miglioramenti "significativi".

Il direttore del carcere Bob McColm ha detto che il progetto - definito pilota in quanto il carcere di di Jurby è stato il primo ad introdurre il divieto di fumare sigarette nel marzo 2008 - un "Grande successo".  Secondo il nuovo schema, i detenuti sono autorizzati ad acquistare una fornitura settimanale di sigarette elettronich  per l'utilizzo - consentito - nelle celle o negli spazi esterni.

I risultati del progetto sono molto incoraggianti portando al 58% il calo di comportamenti violenti, del 50% il calo di interruzione di corrente, del 25% (in aumento)  ha deciso di dire no al fumo grazie alle sigarette elettroniche e il risparmio sulel terapie sostitutive alle sigarette tradizionali è stato di circa 8500 sterline. Il dato molto particolare è la riduzione delle interruzioni di corrente dovuti ai detenuti che cercano di accendere sigarette fatte in casa o bollitori collegati alla prese elettriche per fumare i metodi alternativi -  prima dell'introduzione del progetto -  sopra descritti. 

Prima dello schema, più di 800 interruzioni di corrente erano state causate da detenuti che cercavano di accendere sigarette fatte in casa usando bollitori e prese elettriche.

Il presidente del "Independent Monitoring Boards" (IMB -  comitato indipentente di monitoraggio degli Uk) Bob Ringham ha elogiato ed incoraggiato questo progetto confermando l'atmosfera migliorata all'interno del carcere ed ha affermato che smettere di usare questo metodo alternativo al fumo - le ecig - sarebbe un passo indietro nell'avanzamento dei metodi alternativi e nel loro utilizzo anche in queste sistemi.