Nell'ultimo mese ben 8 morti e 22 incendi a Londra per colpa del fumo. Il vice commissario per la sicurezza antincendio "meglio il vaping" - Dan Daly.

Ebbene si, lo svapo riduce il numero dei rischi d' incendio domestici. Quindi, non solo è l' alternativa meno dannosa alle sigarette, ma è anche più sicura in termini di sicurezza, rispetto al numero di casi registrati nell' ultimo mese con ben 8 morti e 22 incendi, solo nella capitale del Regno Unito.
I dati dei Vigili del Fuoco rivelano anche che sono stati 5.978 gli incendi legati al fumo negli ultimi cinque anni a Londra, con  416 feriti e 76 persone che hanno perso la vita.
Hardware difettoso, o caricato con caricabatterie difettosi, nello stesso periodo hanno causato 20 esplosioni di sigarette, ma il numero di morti e' pari allo zero.

"Tutti questi morti e feriti si sarebbero potuti evitare, se solo si smettesse di fumare o quanto meno passare allo svapo" - ha dichiarato Dan Daly, vice commissario per la sicurezza antincendio.

"Preferiremmo che le persone non fumassero affatto, ma se lo fanno, lo svapo è un'opzione più sicura. C'è un malinteso comune, che secondo alcuni, le e-cig sono un rischio di incendio ma la realtà è che hanno causato un numero molto piccolo di incendi - di solito il dispositivo è rotto o viene caricato da un caricabatterie difettoso, mentre il fumo è un killer" -  continua il commissario. [Vaping.com - 22 Marzo 2018]


"Le cause più comuni degli incendi legati al fumo sono le persone che si addormentano mentre fumano".

Tuttavia, si chiede di prestare particolare attenzione a non lasciare in carica le sigarette elettroniche quando non si è in casa, o addormentati, e assicurarsi che venga utilizzato il carica batterie corretto. Il consiglio include anche di non caricare mai una sigaretta elettronica se questa dovesse essere danneggiata.