"La politica chiede economia e scienza: come continuare con la sigaretta elettronica?" e' stato questo il tema dell'incontro che ha visto presente anche il dott. Hajek

L'ospite più notevole era certamente il dott. Peter Hajek, professore di psicologia clinica presso la Queen Mary University di Londra e il UK Centre for Tobacco & Alcohol Studies e uno dei maggiori esperti di ricerca in Europa insieme a scienziati come Polosa, Mayer, Bauld, Farsalinos e altri. Solo poche settimane fa si è visto fautore di un nuovo studio sulle sigarette elettroniche.

In un intervento di circa mezz'ora ha presentato la situazione in Gran Bretagna ed i risultati scientifici, che ora determinano le politiche pro-vaping senza precedenti del Regno Unito. Ha interagito mettendo in chiaro argomenti come:

  • Il rischio del vaping è da dieci a cento volte inferiore a quello della sigaretta.
  • Nel Regno Unito, 850.000 persone sono passate dal fumo interamente al vaping. Altri 710.000 hanno smesso di fumare.
  • Nel Regno Unito nel 2016, solo il 16,9% della popolazione fumava. Nel 2017 era solo del 15,8%. Questo è il declino più forte mai misurato.
  • Questo rende la Gran Bretagna il secondo stato Europeo con il  tasso di fumo più basso d'Europa. La più bassa è la Svezia con circa il 5%, dove è consentito lo snus.
  • Tra gli 11-16 anni solo il 2% svapano regolarmente. Tutti hanno anche fumato prima.
  • A differenza del fumo, i fumatori passivi non soggetti a dubbie inalazioni.

Naturalmente, Hajek ha anche toccato alcuni aspetti casuali. Ad esempio, i messaggi esagerati nei media, che, cosa abbastanza interessante, nonostante le politiche liberali si svolgono anche nel Regno Unito, o  l'idea, tuttavia, dice Hajek, che le sigarette elettroniche contengono una concentrazione di diacetile fino a 100 volte maggiore che è totalmente sbagliata. 

Hajek ha visto una chiara classificazione degli argomenti degli oppositori della sigaretta elettronica come tentativi morali di inscenare una "Guerra alle droghe", anche se i risultati scientifici indicano chiaramente una diversa direzione.
Ha chiarito che tali speculazioni non corrispondono alla natura della scienza. Piuttosto, ci sarebbe spesso un fraintendimento dei fatti e delle cifre da parte dei politici e dei media. 
Così ha provato il confronto con il caffè, la cui caffeina viene consumata da quasi il 100% della popolazione conseguentemente nessuno si preoccuperebbe di un effetto Gateway o protezione dei minori.

Ancora una volta ha ricordato i numeri dalla Svezia. Lì, molti consumano ancora nicotina con l'ausilio dello snus - molto meno rischioso. I dati relativi al consumo sono ancora circa il 20% della popolazione. Ma è un equivoco dimostrabile che ora il restante 80% della popolazione inizierebbe a consumare lo snus.

Certamente, il livello di conoscenza dei politici e l'attenzione alla protezione dei minori è notevole. D'altra parte, è ancor più positivo che un tale evento si sia svolto con un illustre professore di Londra e membro del Bundestag nel cuore della capitale.

Sarà ancora una lunga strada per rendersi conto che questo è in definitiva su milioni di vite. [Vapers.guru - 24 aprile 2018]

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche