Intervista ad Arturo Ribes dell'UPEV che conferma che il settore della sigaretta elettronica fattura 70,5 milioni nel 2017 in Spagna, ma ben lontano dal Regno Unito.

Lavanguardia - giornale Spagnolo - annuncia (grazie ad una intervista Arturo Ribes dell'UPEV - l'Unione di sviluppatori e imprenditori di vaping), che il fatturato dell'industria della sigaretta elettronica in Spagna l'anno scorso ha fatturato 70,5 milioni di euro, con un incremento del 28,2% rispetto al 2016, superiore al previsto, che ha evidenziato che il settore mantiene, per il terzo anno consecutivo, una crescita progressiva.

L'UPEV ha attribuito l'incremento ed il miglioramento grazie alla maggiore professionalità dei negozi e alle garanzie legate alla sicurezza dei prodotti, nonché ad un maggiore supporto medico e scientifico

Inoltre, il settore ha già 400 negozi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche operanti in Spagna con un staff preparati ed attenti alle esigenze del consumatore. In totale, si stima che impieghino 3.200 persone direttamente e indirettamente nella vendita e nella commercializzazione dei prodotti del settore.

Per quanto riguarda il numero di utenti regolari, è aumentato a 450.000, di cui praticamente tutti hanno smesso di fumare con l'uso di questi dispositivi, che, secondo l'opinione dell'UPEV, è "un chiaro segno che in Spagna sempre più fumatori adulti hanno preso la decisione di sostituire il tabacco con alternative meno dannose ".

In vista dei prossimi tre anni, l'UPEV guarda con un certo scetticismo al futuro, poiché le piccole e medie imprese devono adattarsi alle nuove esigenze della legislazione nazionale, che è entrata in vigore alla fine dello scorso anno introducendo nuove misure amministrative. Eppure anche se notevoli come dati il paese si trova sempre a rincorrere il Regno Unito e la Francia dove il fatturato si aggira intorno ai 450/500 milioni di euro.

Pertanto, l'UPEV ha chiesto alle autorità di fare un altro passo nella lotta contro il fumo e considerare l'e-cig come uno strumento all'interno delle politiche anti-tabacco. In questo modo, sottolinea la necessità di allontanarsi dall' allarmismo infondato e aperto al progresso nella lotta contro il tabacco.

"L'obiettivo è incoraggiare i fumatori che non riescono a superare la loro dipendenza per passare a alternative meno dannose, se una tassa speciale viene imposta al vaporizzatore personale, questa transizione sarebbe scoraggiata, quindi la maggior parte di loro continuerà a utilizzare il tabacco, cosa che avrebbe gravi conseguenze per la tua salute ", ha sottolineato il presidente dell'UPEV, Arturo Ribes all'Lavanguardia.

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche