Rivoluzione in america per la prova in negozio dei liquidi per sigaretta elettronica. nascono i "Sample sticks" brevettati da Mt Baker Vapor.

Forse li vedremo in Italia a partire da quest'anno ma già in america hanno riscosso un successo spropositato. Si parla dei "Sample Stick" brevettati da Mt Baker Vapor. Come funzionano è semplicissimo spiegarlo e sono stati creati come test per i negozi specializzati sui liquidi venduti.

Lo "stick di esempio" (traduzione letterale)  è un piccolo bastoncino di plastica alla fine del quale vi è una piccola quantità di gel interamente realizzata con materiali di qualità alimentare, e può letteralmente essere masticato e mangiato dai clienti che sentiranno il sapore che successivamente si andrà a trovare nel liquido acquistato.

Il concetto arriva direttamente dagli Stati Uniti, e più specificamente dalla società Mt Baker Vapor, società che è già ampiamente conosciuta in ambito "vaping" e che ha redatto e brevettato il progetto dopo l'enorme spesa che si apprestava ogni anno a fare per inviare ai negozianti campioni dimostrativi. 

Il signor Baker, direttore dell'azienda, commenta ad Alistair Servet di VapingPost.fr:

"Ricordo di aver inviato dai 10 a 20 pacchi di campioni ogni giorno da $ 20 a $ 25 a pacchetto, il che è molto costoso! (...) Stavamo cercando di trovare un metodo redditizio, quindi dopo un sacco di ricerche e molti fallimenti, sono nati i Sample Sticks ". 

Oltre ai risparmi che i produttori di e-liquid potrebbero fare grazie a questa novità, Sample Sticks consentirebbe anche ai negozi in paesi in cui è vietato l'uso di vapore all'interno dello stesso, di poter far provare i prodotti.

Infine, l'assenza di nicotina e il fatto di non dover vaporizzare il prodotto per poterne apprezzare il sapore sono punti che lo collocano sotto il controllo alimentare della FDA , e non come prodotto del tabacco. Una differenza che ti consente di beneficiare di una regolamentazione molto più flessibile in molti modi.