Per evitare che il divieto di pochi giorni fa approvato a San Francisco possa entrare in vigore in ogni parte degli Stati Uniti nasce #Fight4Flavor.

Era il mese scorso quando i negozi di San Francisco si vedevano interdire la vendita di e-liquid aromatizzati. La lotta era appena iniziata, con altre città che avevano annunciato piani per tenere referendum simili, con gli stessi avversari e gli stessi argomenti subdoli e prevenuti.

La FDA sta attualmente cercando di scoprire di più sulle conseguenze dell'uso di e-liquids aromatizzati specialmente se hanno un impatto negativo sui giovani.

Gli esperti per la riduzione del danno osservano che una restrizione delle aromatizzazioni servirebbe a emarginare gli ex fumatori che sono diventati dei vapers. Tale decisione potrebbe potenzialmente riportarli a fumare non avendo più il sostegno di quegli aromi che li hanno aiutato a smettere - sopratutto quelli non tabaccosi.

La campagna soprannominata #Fight4Flavor, risponde a una proposta di regolamentazione della Food and Drug Administration per regolare gli aromi e la nicotina per le sigarette elettroniche. Gli utenti e gli esperti di riduzione del rischio temono che una tale decisione paralizzerà il mercato dei prodotti e delle tecnologie alternative.

La Global Vaping Standards Association (GVSA) sta conducendo questa campagna che incoraggia tutti gli utenti che sono passati al vaping a presentare commenti alla FDA su come i diversi tipi di aromi li hanno aiutati a smettere di fumare.

Ma la GVSA non è sola e la coalizione creata comprende società quali AVAIL Vapor, Charlie's Chalk Dust, Mama's, SMOK, The Drip Club, Vaporesso, Midwest Distribution, My Vapor Store e Vapor Authority.

'I leader industriali di questa coalizione si sono tutti impegnati a difendere i diritti del vaping e degli aromi e poter far scegliere liquidi elettronici aromatizzati rispettando le rigorose normative del divieto di vaping ai minori. "detto Maggie Gowen, Direttore generale di GVSA.
"Oggi, più di 400.000 persone hanno fatto un commento, e grazie alle nostre risorse combinate, abbiamo l'opportunità di raggiungere più di due milioni di vapers. Per i consumatori l'aroma è essenziale per smettere definitivamente di fumare. Per produttori e venditori, è una fonte di sostentamento."

Se ancora non sappiamo quali misure la FDA può adottare sugli aromi, le recenti osservazioni del Commissario Scott Gottlieb sono molto preoccupanti specialmente la delusione che ha dichiarato di avere nei confronti del vaping parlando alla riunione annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago a giugno.