Il Queensland è stato il primo stato australiano ad incorporare i prodotti del vaping come se fossero prodotti del tabacco.

Lo stato del Queensland sta reprimendo il vaping e sta attuando il sequestro delle importazioni; questo è quello che si evince dall'articolo pubblicato su Planetofvapers.co.uk. Nel Queensland, solo quelli in possesso di una licenza o di una prescrizione sono autorizzati ad avere liquidi con nicotina. Chiunque importasse, possedesse o usasse un eliquid contenente nicotina è passibile di una multa che può arrivare fino a 10.400 $ .

In aggiunta a ciò, Brian Marlow di Legalize Vaping afferma che, a seconda dello stato australiano in cui si ci trova, i vapers possono rischiare fino a 2 anni di carcere e multe fino ad $ 45.000.

"Le multe sono ridicole, dovremmo legalizzare il vaping in modo che le persone possano accedere ai prodotti in sicurezza e il governo possa regolarlo e tassarlo giustamente a beneficio delle persone che stanno cercando di fare la cosa giusta e di togliersi il vizio del fumo ".

I funzionari hanno iniziato a sequestrare imballaggi alla frontiera che sospettano possano contenere prodotti del settore con nicotina. I contenuti sono stati inviati ai dei laboratori per dei test e sono state inviate delle avvertenze scritte ai proprietari e ai destinatari di tali imballaggi.

Un portavoce di Queensland Health ha dichiarato:

"Le persone che cercano di accedere a prodotti non approvati contenenti nicotina liquida per uso terapeutico possono farlo solo nell'ambito del regime di accesso speciale o del regime di importazione personale dell'ente terapeutico. Secondo questi schemi, il medico dovrebbe seguire i requisiti prescritti dall'ente terapeutico per tali prodotti/merci ".

Il professor Colin Mendelsohn ha affermato:

"Il Queensland Health sta prendendo di mira il vaping, un'opzione di riduzione del danno salvavita per le persone che sono dipendenti e non possono smettere. La nicotina non è il nemico, il tabacco combustibile invece lo è. Ho visto così tante persone incapaci di smettere e ricadere più volte nel vizio. "

Il nuovo presidente della Australian Medical Association, il dottor Tony Bartone, sostiene il blocco dello svapo:

"I prodotti che vengono usati a volte contengono agenti cancerogeni nocivi e non abbiamo i dati a lungo termine sul loro profilo di rischio. Almeno una certa tossicità e l'effetto finale devono ancora essere provati: quando le prove arrivano e si può dimostrare che sono un aiuto terapeutico alla cessazione dal fumo, è quando ci siederemo e guarderemo in modo significativo la nostra posizione e ci muoveremo in linea con le prove che sono state presentate. "

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.