L'Unione europea desidera proibire qualsiasi rappresentazione dei prodotti legati al tabacco nei media di intrattenimento. Tutto per non "incoraggiare" i giovani a fumare. 

Il mese prossimo si terrà a Ginevra la convenzione - COP8 - quadro dell'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) per la lotta contro il tabacco (CCSA) e tra le proposte discusse in sede quest'anno c'è il divieto di rappresentazione dei prodotti del tabacco e ad esso collegati nei media come ad esempio cinema, televisione e tanto altro.

Se il suggerimento viene adottato potrebbe portare al divieto di qualsiasi inserimento di prodotti o riferimento al tabacco all'interno dell'Entertainment riferito a film, video musicali, programmi televisivi, applicazioni mobili, videogiochi e quant'altro rientri nella categoria.

Oltre al divieto L'OMS vorrebbe anche raccomandare ai partecipanti di introdurre regolamenti o misure amministrative per rendere obbligatoria la divulgazione delle spese di pubblicità e di marketing sostenute dall'industria del tabacco nonché l'obbligo di mostrare sullo schermo le avvertenze sulla salute relative ai pericoli del fumo e, a completamento della proposta, un divieto su tutti i mezzi di comunicazione. [Vapingpost.com]

Tra i partecipanti della FCTC (Framework Convention on Tobacco Control) quest'anno appare l'Europa e come riposta il giornalista e autore del libro Velvet Glove "Christopher Snowdon" L'Europa è pienamente favorevole al divieto e si opporrebbe all'OMS non perché le proposte sia "estreme" ma perché "sia troppo poco estreme". Sembra che il giornalista sia entrato in possesso o abbia ricevuto parte dei documenti dell'UE:

Contenuti multimediali di intrattenimento come film, video musicali, video online, programmi televisivi, servizi di streaming, post sui social media, videogiochi e applicazioni di telefonia mobile hanno tutti dimostrato di rappresentare e promuovere l'uso del tabacco e i prodotti del tabacco in modi che potrebbero incoraggiare l'assorbimento del fumo dei giovani ... Pertanto, sono necessarie politiche che riducano l'esposizione dei giovani alle rappresentazioni dei media di intrattenimento.

L'UE accoglie con favore la relazione del gruppo di esperti sulla pubblicità, la promozione e la sponsorizzazione del tabacco e sostiene le sue raccomandazioni ... [L'UE] sottolinea che i quadri normativi TAPS [pubblicità, promozione e sponsorizzazione del tabacco] e la loro attuazione a livello nazionale, regionale e internazionale non riguardano solo tutti i prodotti del tabacco, sia quelli tradizionali che quelli emergenti come i prodotti riscaldati, ma dovrebbero anche considerare i prodotti legati al tabacco come il vaping - inteso come ENDS (Electronic Nicotine Delivery Systems ).

Pertanto, se la proposta dell'UE fosse adottata, qualsiasi rappresentazione di una sigaretta elettronica in qualsiasi media audiovisivo sarebbe vietata o dovrebbe essere soggetta ad un'autorizzazione che porti alla potenziale emissione di un certificato che lo consenta. 

 

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.