Il procuratore del Mississippi  "Jim Hood" vuole proporre una nuova tassa sulla vendita dei prodotti del settore del vaping.

Questa nuova tassa fa parte di un pacchetto di norme statali proposte per controllare l'industria del vaping nello stato. Il procuratore è entrato a pieno diritto [ Lo riferisce il "Daily Journal] tra gli "anti-vape" tra i quali fanno parte anche l' "Health Department", il "the non-profit Partnership for a Healthy Mississippi" ed il "The state Youth Court judges".

L'ufficiale sanitario - "Mary Currier" - non bada a spiegare le sue motivazioni per quanto riguarda i prodotti del settore affermando che:

"Questi prodotti sono solo un modo per fornire nicotina - una sostanza apparentemente coinvolgente, e chiunque abbia provato a smettere lo sa. I sistemi elettronici di somministrazione di nicotina non sono inclusi nelle leggi sul tabacco del Mississippi, ma sono allettanti per i ragazzi attirandoli con aromi alla frutta e altri sapori adatti a loro. Questi dispositivi sono effettivamente preoccupanti e genitori ed insegnanti devono essere particolarmente vigili. "

Jim Hood non perde l'occasione per appoggiare e commentare la sua scelta:

"Voglio che i genitori sappiano cosa stanno facendo i loro figli, perché è incredibilmente facile nascondere questi dispositivi e molti adolescenti non sanno nemmeno quanto sia pericoloso per la loro salute".

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.