Martin Seychell, vicedirettore generale per la salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato che l'obiettivo dell'esecutivo rimane quello di promuovere l'idea che le persone non dovrebbero essere dipendenti.

La Commissione Europea rimane "cauta" nei confronti dei nuovi prodotti a base di tabacco, continuando a raccogliere prove dell'impatto sulla salute pubblica ed essere pronta ad agire di conseguenza, secondo il funzionario Martin Seychell. [ Euractiv.com ]

"Dobbiamo promuovere l'idea che le persone non dovrebbero essere dipendenti al primo posto. In poche parole, prevenzione della dipendenza. " - ha dichiarato Martin Seychell, vicedirettore generale per la salute e la sicurezza alimentare. - continua - 

"Il consumo di tabacco causa ancora molti decessi, che potrebbero facilmente essere prevenuti. Sui nuovi prodotti del tabacco in particolare, la legislazione è molto chiara. Abbiamo adottato un approccio cauto.".

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è favorevole ad una regolamentazione più severa per il vaping, mentre l'Europa ha adottato l'approccio precauzionale nella direttiva sui prodotti del tabacco (TPD).

"Abbiamo introdotto nella TPD l’obbligo di notificare i prodotti prima di essere immessi sul mercato. Agli stati membri è stato concesso, caso per caso in base all'obiettivo che si voglia raggiungere, la possibilità di vietare questi prodotti se riconoscono e hanno le prove che stanno causando un impatto negativo sulla salute pubblica", ha concluso Martin Seychell.

 

 

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.