Il Royal Australian & New Zealand College of Psychiatrists (RANZCP) ha emesso una nuova dichiarazione sulla sua posizione riguardo al vaping.

Strumento per ridurre il danno del tabacco, è questo che l'organizzazione aggiunge alle pressioni sul governo australiano di agire responsabilmente e porre fine ai banali divieti relativi allo svapo che si stanno attuando in tutta la nazione.

La dichiarazione, emessa da RANZCP a sostegno della "legalizzazione e regolamentazione delle sigarette elettroniche contenenti nicotina e di altri prodotti a base di nicotina vaporizzata", contiene i seguenti messaggi chiave:

  • Le persone che convivono con malattie mentali hanno più probabilità di fumare più della popolazione generale. Questa è la causa principale della mortalità.
  • La riduzione del danno del tabacco è una componente essenziale di qualsiasi quadro che mira a migliorare i risultati di salute per le persone che fumano tabacco.
  • I fumatori di tabacco dovrebbero avere accesso a un'ampia gamma di strumenti per la riduzione del danno e la cessazione del fumo.
  • I tassi di cessazione del fumo sono più bassi per le persone che vivono con malattie mentali. Le strategie di riduzione del danno al tabacco possono quindi fornire particolari benefici a questo gruppo di utenti.
  • Le sigarette elettroniche e i vaporizzatori possono fornire un modo meno dannoso per consegnare la nicotina a coloro che non sono in grado o non vogliono smettere di fumare. Tuttavia, non ci sono studi a lungo termine che registrano l'entità degli effetti dell'inalazione di vapore, a lungo termine, sulla salute delle persone.
  • Sono necessarie ulteriori ricerche per accertare l'efficacia delle sigarette elettroniche come strumento per smettere di fumare e se può fornire un nuovo percorso nell'iniziazione al fumo. Ciò non giustifica la negazione di ciò che è, sulla base delle prove attuali, un prodotto a rischio inferiore da parte dei fumatori esistenti mentre tali dati vengono raccolti.

"Il RANZCP sostiene un quadro legislativo in cui le sigarette elettroniche e i vaporizzatori sono controllati in modo proporzionato, legato ai loro rischi, consentendo al tempo stesso alle persone di avere un accesso appropriato a questi prodotti a un costo ragionevole. La regolamentazione è importante in quanto può influenzare i benefici per la salute delle sigarette elettroniche. Suggeriamo anche una revisione di qualsiasi legislazione dopo cinque o dieci anni per garantire che le normative riflettano le ricerche aggiornate sui danni e i benefici di questi prodotti." - commentano

Il Royal Australian & New Zealand College of Psychiatrists ritiene che la regolamentazione sulle sigarette elettroniche dovrebbe mirare a raggiungere i seguenti obiettivi:

  • La nicotina dovrebbe essere resa disponibile come prodotto di consumo per lo svapo mediante un'esenzione dalla norma sui veleni;
  • Tassazione minima per incoraggiare la diffusione dei prodotti;
  • Sicurezza e standard di qualità;
  • Età minima di vendita;
  • Restrizioni appropriate per la pubblicità;

"È importante che i regolamenti stabiliscano un equilibrio adeguato tra le priorità della salute pubblica, come la necessità di incoraggiare l'uso di sigarette elettroniche e vaporizzatori tra gli utilizzatori di prodotti del tabacco, mitigando i potenziali rischi e assicurando che l'accettazione tra non fumatori e giovani sia minimizzata. L'industria del tabacco non dovrebbe essere coinvolta nella definizione di regolamenti dato l'inevitabile conflitto di interessi, proprio come avviene attualmente per i prodotti del tabacco ".

"Siamo grati alla  Royal Australian & New Zealand College of Psychiatrists per la sua presa di posizione, mettendo la salute e la scienza al primo posto. Il vostro supporto salverà delle vite. Spero che altre organizzazioni mediche e sanitarie seguiranno il vostro esempio". - commenta Colin Mendelsohn  (ATHRA) 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.