Dan Quick, senatore del Nebraska, vuole che l'acquisto e l'uso delle sigarette elettroniche sia limitato ai maggiori di 21 anni.

Dan Quick, senatore del Nebraska, vuole che le sigarette elettroniche restino lontano dagli adolescenti e per supportare il tutto ha proposto una legge che aumenterebbe l'età minima legale necessaria per acquistare prodotti inerenti al settore del vaping. 

In effetti Dan Quick non propone niente di nuovo in quanto, già nel 2018, molti paesi degli Stati Uniti hanno adottato la "tobacco 21", regolamentazione che aumenta l'età minima di acquisto a 21 anni.

L' LB149, è la legge che prevede restrizioni alla vendita e all'uso di tali prodotti che comprendono sia hardware che liquidi ed il senatore, per supportarla, condanna per primi i dirigenti scolastici dello stato che non avrebbero realmente capito la necessità di limitare questi prodotti ai ragazzi.

"Non credo che i bambini realizzino cosa significa utilizzare sigarette elettroniche ed in particolare JUUL, che rilasciando nicotina potrebbero portare alla dipendenza da essa. Quindi vogliamo affrontare questo problema e fermare il target dei giovani. "- Ha detto il senatore a NTV.

La Free Smoke-Free Alternatives Trade Association si oppone all'aumento d'età a 21 anni in quanto - secondo l'associazione - va contro le classiche regole che vede tale età superiore a quella legale per stipulare contratti, indebitarsi, sposarsi, arruolarsi o essere ritenuti responsabili in ambito penale .

"LB149 combatterà questo problema legato alla salute pubblica limitando l'acquisto e l'uso di tali prodotti ai giovani di età inferiore a 21. Licenzia inoltre i venditori di sigarette elettroniche allo stesso modo del tabacco. Questi cambiamenti sono un modo importante per ridurre l'accesso dei nostri bambini a questi dispositivi" - conclude il Senatore.

Il senatore Dan Quick afferma, inoltre, che con questo disegno di legge, i prodotti del settore saranno inclusi nel " Nebraska Clean Indoor Air Act" che proibirà l'uso delle sigarette elettroniche negli spazi pubblici e nei luoghi di lavoro.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.