Dopo una significativa pressione da parte dei tabaccai, l'Ungheria ha deciso di rinviare l'introduzione del pacchetto neutro per le sigarette tradizionali.

L'annuncio fatto il 13 Dicembre 2018 va a favore dei tabaccai che hanno avviato una significativa pressione a tal punto da far rimandare l'introduzione del pacchetto neutro al 2022. 

Secondo Antal Lengyel, un membro dell'Alleanza dei rivenditori ungheresi, i tabaccai non erano preparati per il significativo cambiamento nella commercializzazione dei prodotti del tabacco. Dovrebbero, tuttavia, essere pronti per pacchetti di sigarette neutrali entro il 2022 (inizialmente, l'introduzione era prevista per il 20 maggio 2017 ma ci sono stati molteplici spostamenti di date).

L'Ungheria detiene il secondo posto in tutta l'Unione Europea per quanto riguarda il tasso di fumo che risulta essere il più alto; valore evidenziato anche da uno studio condotto da Eurostat alla fine del 2016 che ha rilevato che il paese ha il doppio dei fumatori rispetto alla Svezia e all'Inghilterra. L'aumento dei fumatori ha portato, repentinamente, ad un aumento del prezzo delle sigarette che è passato da 3,60 € a 4,10 € nell'ultimo anno e mezzo. 

Per quanto riguarda i pacchetti neutri l'Australia, già nel 2012, è stato il primo a renderli obbligatori, mentre L'Irlanda è stato il primo paese in Europa a richiederli e la Francia ne ha seguito l'esempio solo nel 2017.

Con il pacchetto neutrale non si rende solo il tabacco meno attraente essendo presenti le foto dei pericoli per la salute che il fumo può portare ma scoraggia le persone nel consumare avendo un effetto positivo sulla cessazione.

In Francia, secondo i dati forniti dall'Osservatorio francese per le droghe e le tossicodipendenze (OFDT), l' applicazione di pacchetti di sigarette neutrali ha avuto un effetto molto limitato sulle vendite di sigarette. Nel 2017 le vendite sono calate dello 0,7% e quasi il 30% dei cittadini francesi fuma ancora sigarette tradizionali, anche se le sigarette elettroniche sono diventate uno strumento di riduzione ormai affermato.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.