Il ministro della sanità canadese, Ginette Petitpas Taylor, afferma di voler modificare la legge in modo da bloccare la pubblicità per le ecig.

Il ministro della Sanità Canadese, Ginette Petitpas Taylor, è intenzionata a rettificare la legge di governo sulla riforma del tabacco in modo da bloccare ulteriormente -  e definitivamente -  la pubblicità riguardante le sigarette elettroniche e i prodotti della filiera. Il tutto accade pochi giorni dopo la richiesta di alcuni gruppi parlamentari i quali - a tutela della salute -  affermavano che il disegno di legge non limitava adeguatamente la pubblicità di tali prodotti - espressamente quelli contenenti nicotina.

"Condivido alcune delle preoccupazioni espresse dalla Coalizione del Quebec per il controllo del tabacco e tutto quello che ne è inerente" - continua - "Non permettiamo la promozione sui prodotti del tabacco ... e non lo permettiamo per i prodotti a base di cannabis o quelli contenti nicotina" ha dichiarato il ministro che avrebbe sostenuto l'emendamento Buill S-5 che proibirebbe "la promozione" di tali prodotti.

Il deputato liberale John Oliver ha dato pieno appoggio  alla decisione di Taylor dichiarando che non solo la moderna legge sulla pubblicità dei prodotti relativi al tabacco e/o sigarette elettroniche contenti nicotina è simile a quella del 1964 ma ha ulteriormente affermato:

"La pubblicità potrebbe anche apparire in televisione, sui cartelloni pubblicitari, nei cinema, sugli autobus pubblici, nelle scuole o in una pista di pattinaggio dove si gioca, o in qualsiasi altro posto; tutti luoghi dove i minori o chi non utilizza tali strumenti frequenta abitualmente"

"Ho un figlio di 13 anni ... Non voglio andare al cinema e cercare di spiegare cos'è lo svapo e perché le sigarette elettroniche sono un prodotto pubblicizzato. Non voglio andare alla pista di hockey e spiegargli che cos'è lo svapo ", ha detto il ministro della salute. "Il modo in cui la pubblicità è presente adesso,espone i giovani canadesi a poter cominciare a svapare" - conclude.

Petitpas Taylor ha risposto che all'interno dei regolamenti, il governo ha "ampi poteri normativi" per decidere dove pubblicare gli annunci.

Nel frattempo, Sherwin Edwards, a capo della società Vapselect Inc., ha detto al comitato che il progetto di legge deve essere riscritto in modo che le leggi sullo svapo del paese siano completamente separate dalle leggi sul tabacco perché i prodotti sono meno dannosi del tabacco.

Ha detto che i parlamentari, considerando la legge, devono ascoltare gli ex fumatori che hanno smesso di fumare passando alle sigarette elettroniche, e non solo ai gruppi a tutela della salute pubblica.