Il governo degli Emirati Arabi ha annunciato l'abolizione del divieto delle vendite di sigarette elettroniche. I primi prodotti approvati dovrebbero essere disponibili a partire da Aprile.

Regnava sovrana la confusione poco tempo da negli Emirati Arabi Uniti dove una legge vietava la vendita di sigarette elettroniche ma non l'uso. Dopo diversi mesi di revisione, il governo degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato che abolirà il divieto delle vendite di tali prodotti. I primi prodotti approvati dovrebbero essere disponibili a metà aprile.

L'agenzia di regolamentazione degli Emirati Arabi Uniti per la standardizzazione e la metrologia (ESMA) stava esaminando le regole che erano in vigore da quando una legge del 2009 ha vietato le vendite di sigarette elettroniche anche se il possesso e l'uso non era illegale.

Le vendite saranno legalizzate con gli standard in vigore per i prodotti, saranno presenti avvertenze sulla salute simili a quelle dei pacchetti di sigarette e le vendite saranno probabilmente soggette a limiti di età. L'uso pubblico sarà regolato esattamente come lo è per le sigarette, ha confermato un funzionario della sanità di Dubai al Khaleej al Times .

Gli standard saranno presto resi pubblici e pubblicati come "UAE.S 5030" regolando anche l'importazione, la produzione, la distribuzione ed il packaging, ed oltre le sigarette elettroniche le norme ricomprenderanno anche i riscaldatori di tabacco.

Secondo Abu Dhabi World, i funzionari affermano che gli standard rifletteranno le normative europee e britanniche, il che potrebbe significare che verrà fissato un limite anche per il contenuto di nicotina. 

I paesi del Medio Oriente furono tra i primi a vietare la vendita di vapori e molti ancora mantengono leggi restrittive. A parte gli Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Brunei, Egitto, Iran, Giordania, Libano, Oman, Qatar e Arabia Saudita mantengono il divieto di vendita per le sigarette elettroniche. Tuttavia, l'applicazione varia da paese a paese e può essere difficile ottenere risposte chiare su ciò che effettivamente dicono le leggi. Anche in paesi con severi divieti di vendita, c'è spesso un vivace mercato nero.

 

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.