Il Senato delle Filippine ha dato il via all'aumento delle tasse su tutti i prodotti a base di tabacco comprese le sigarette elettroniche per finanziare la sanità pubblica.

Ieri, il Senato delle Filippine ha dato il via libera all'aumento delle tasse su tutti i prodotti del tabacco comprese le sigarette elettroniche per finanziare la sanità pubblica. Quello che era solo, momentaneamente, un'idea, contestata dalle associazioni filippine i settore qualche settimana fa, è divenuta una vera e propria legge che si è adeguata fortemente al volere del presidente Rodrigo Duterte.

La Camera alta di Manila ha approvato il testo all’unanimità, quindi entro cinque anni la tassazione sui tabacchi passerà dal 29% al 71% portando maggiori entrate pari a 285 milioni di dollari già il prossimo anno e oltre 30 miliardi nel 2024. Già oggi, o in questi giorni, la Camera potrebbe dare il via al testo finale prevedendo anche una tassazione per le sigarette elettroniche equiparate come "prodotto del tabacco".

E' stato il capo dello Stato a volere e sostenere fortemente questo aumento di tassazione i cui introiti serviranno per finanziare un piano di assistenza sanitaria universale in un paese dove la sanità pubblica non è delle migliori soprattutto per i settori più svantaggiati.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.