Il Governatore dell'Oregon ha richiesto un divieto per i prodotti aromatizzati relativi alle sigarette elettroniche per 6 mesi ma il suo desiderio è vietarli in modo permanente.

In risposta al panico che si diffonde in tutti gli Stati, a causa dei famigerati casi di malattia polmonare "legata alle sigarette elettroniche contenenti liquidi modificati", l'Orgeon è destinata a diventare l'ennesimo stato (a New York il divieto è stato recentemente revocato) a vietare i liquidi da inalazione aromatizzati, Rhode IslandUtahMichiganMassachusetts e Washington lo hanno già fatto chi in maniera permanente, chi invece in maniera momentanea o limitata ad alcuni prodotti. L'Utah ha scelto un approccio più adeguato mentre l'Arizona non è d'accordo con i divieti.

Il Governatore dell'Oregon, Kate Brown, ha messo in tavola questo venerdì un divieto per i prodotti aromatizzati relativi alle sigarette elettroniche per 6 mesi ma il suo desiderio è vietarli in modo permanente. Al momento non è fissata una data specifica per l'attivazione ma il governatore ha confermato che l'attuazione sarà immediata in attesa, forse, di un più accertato collegamento tra i casi accaduti e i dispositivi.

"La mia prima priorità è proteggere la salute di tutti i cittadini", ha dichiarato il Governatore, prima di spiegare che "tenere prodotti potenzialmente pericolosi negli scaffali dei negozi e nelle mani dei bambini e dei giovani dell'Oregon non evita di esporre più persone a composti chimici potenzialmente pericolosi " .

La maggior parte delle associazioni sanitarie locali si è pronunciata a favore del divieto e ha elogiato la decisione di Kate Brown, sottolineando che "visto l'aumento delle malattie e dei decessi correlati allo svapo negli ultimi mesi, è essenziale per prendere misure urgenti".

Se il divieto si estenderebbe alle sigarette elettroniche in generale l'Oregon dovrebbe diventare il 3° stato americano a vietare le sigarette elettroniche a intervenire e vietare lo svapo, oltre a molte città come San Francisco e Beverly Hills.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.