Esecuzione del divieto di produzione, importazione, esportazione, trasporto, pubblicità, vendita e distribuzione di tutti i prodotti del settore delle sigarette elettroniche.

 

Il 18 settembre 2019 il Ministro delle Finanze indiano Nirmala Sitaram aveva annunciato che il Consiglio dei ministri aveva attivato in maniera temporanea la messa al bando totale delle sigarette elettroniche in attesa di renderlo esecutivo con un decreto legge sottoposto al voto del Parlamento.

Per l'OMS, con questa misura, l'India sta dimostrando "una forte leadership" che "farà molto per proteggere la salute pubblica e il benessere delle generazioni future" .

Ebbene nella sessione appena conclusasi il 12 Ottobre 2019 il governo indiano ha pubblicato un disegno di legge che trasforma il divieto temporaneo in una legge a tutti gli effetti dando la possibilità di commentare tale decisione. I trasgressori saranno arrestati e rimarranno in prigione per un periodo di un anno, in ripetuta violazione la pena sarà di tre anni.

Il divieto comporta attualmente l'impossibilità di produrre, importare, esportare, trasportare, pubblicizzare vendere e distribuire di sigarette elettroniche.

Il Governo, per ultimo, ha invitato tutti i vapeshop a contattare la polizia e fornire un elenco delle merci in negozio e in magazzino che devono eventualmente essere eliminate.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.