Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ritorna all'attacco contro le sigarette elettroniche ad un evento contro il fumo ad Istanbul.

"Ci hanno chiesto il permesso di produrre questi oggetti (sigarette elettroniche). Non l'abbiamo dato e non lo daremo. Vogliono investire in Turchia ma vadano ad investire altrove."  - ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan, senza,però, dire a quale azienda o aziende si riferiva.

Questo è quanto detto da Erdogan durante un evento contro il fumo a Istanbul; lo stesso ha affermato di aver ordinato al ministero di non consentire mai e poi mai la possibile produzione di sigarette elettroniche nel paese. Erdogan  non è nuovo agli attacchi diretti al settore ed è ben conosciuto già dal 2018 dove aveva dichiarato:

"Hanno inventato una cosa strana chiamata 'sigaretta elettronica'. Dicono che non contiene nicotina o ne contiene molto poca. Ma presto la gente ne diventerà dipendente".

Mentre l'uso delle  sigarette elettroniche non è illegale in Turchia, anche se si sta pensando ad un eventuale divieto, l'acquisto o la distribuzione di sigarette elettroniche lo è. Nonostante ciò, molte persone acquistano sigarette elettroniche attraverso distributori online, che forniscono anche liquidi da inalazione.

Erdogan è noto per la sua ossessione per l'alcol e le sigarette, ha spesso esortato i turchi a smettere di fumare e bere e già nel 2013, il suo governo, ha vietato tutte le pubblicità, le promozioni e le sponsorizzazioni di alcol e tabacco (per esempio tali prodotti sono spesso presentati sfocati negli spettacoli televisivi).

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.