Il  Ministro delle finanze estone prepara una analisi entro fine gennaio sull'attuale divieto per i liquidi aromatizzati e sulla attuale tassazione dei liquidi da inalazione.

Secondo l'eurodeputato estone "Tarmo Kruusimäe" il mercato nero dei prodotti del vaping in Estone è del  62% se non addirittura stimato dell'80%. Pertanto,  secondo il sito web della radio pubblica e televisiva ERR dell'Estonia, Kruusimäe ha chiesto al Parlamento di rivedere non solo il divieto di aromatizzazioni dei liquidi da inalazione ma anche l'attuale tassazione dei liquidi che si aggira intorno ai 20 centesimi per millilitro raggiungendo i 2 euro per un flacone da 10 ml. La valutazione dell'eurodeputato si basa tra la differenza tra le tasse riscosse ufficialmente nel 2018 sulla una stima del consumo e quelle non riscosse o che si potrebbero riscuotere rendendo più fruibile la situazione.

Il Ministero delle finanze ha riconosciuto la preoccupazione e prepara un'analisi entro la fine di gennaio per presentarla al Parlamento. Mentre il Ministero degli affari sociali si rifiuta di considerare il problema l'Estonia, attualmente, è uno dei pochi paesi (se non l'unico, soggetto) dell'Unione europea a vietare i liquidi aromatizzati.

Tale situazione non pone solo il problema delle vendite illegali, ma spinge anche gli utilizzatori delle sigarette elettroniche a produrre i propri liquidi aromatizzati senza la possibile idoneità all'utilizzo nel vaporizzatori e senza la qualità che si potrebbe avere legalizzando gli stessi.

"La proliferazione del mercato nero ha anche reso le sigarette elettroniche più accessibili ai giovani e sul mercato nero non sono necessari documenti di identità", afferma Kruusimäe.

Siiri Suutre, portavoce del Ministero delle finanze, conferma che il mercato nero è un problema: 

"Si può dire al membro Tarmo Kruusimäe che solleva un problema giusto e sensato per quanto, in primo luogo, vietando la vendita di liquidi aromatizzati e, in secondo luogo, la tassazione corrente dei prodotti". "Come portavoce del Ministero del Tesoro, possiamo prima di tutto affrontare le tasse, ma non è saggio apportare modifiche alla regolamentazione e alla tassazione in fretta, il Ministero delle finanze si impegna a presentare un rapporto sullo stato entro la fine di gennaio."

Da parte sua, il Ministero degli affari sociali continua a ritenere che l'attuale politica fiscale raggiunga i suoi obiettivi.

"Lo svapo è solo un'alternativa ai prodotti del tabacco, non è un aiuto per smettere di fumare", afferma Aive Telling, del dipartimento della salute ambientale e della sicurezza chimica del Ministero degli affari sociali.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.