In un documento congiunto pubblicato il mese scorso, l'Ufficio sanitario nazionale, l'Amministrazione statale per la regolamentazione del mercato, il Monopolio nazionale del tabacco e altre cinque entità governative, hanno esortato il governo a mettere in atto un divieto di utilizzo pubblico delle sigarette elettroniche.

Dopo lo stop della vendita sul web, in un documento congiunto pubblicato il mese scorso, l'Ufficio sanitario nazionale, l'Amministrazione statale per la regolamentazione del mercato, il Monopolio nazionale del tabacco e altre cinque entità governative, hanno esortato il governo a mettere in atto un divieto di utilizzo pubblico delle sigarette elettroniche.

Il documento afferma che le sigarette elettroniche "hanno mostrato una chiara tendenza al rialzo tra la popolazione giovanile ", aggiungendo che la composizione del liquido da inalazione ed il vapore passivo "non sicuri". A tal fine, aggiungono le agenzie, la Cina "deve promuovere attivamente il divieto di fumo elettronico nei luoghi pubblici".

I legislatori hanno inoltre affermato in modo inesatto che non ci sono prove che indicano che le sigarette elettroniche sono efficaci aiuti per smettere di fumare:

"Non ci sono prove conclusive che le sigarette elettroniche possano aiutare a smettere di fumare in modo efficace". Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità, poiché ci sono innumerevoli studi peer review che indicano il contrario .

Nel frattempo, una dichiarazione rilasciata a ottobre dall'amministrazione statale del monopolio del tabacco e dall'amministrazione statale per la regolamentazione del mercato, ha annunciato che tutti i siti Web e le App che vendono sigarette elettroniche verranno chiusi e tutte le campagne di marketing online di sigarette elettroniche verranno interrotte.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche