Nella proposta di bilancio pubblicata ieri, Donald Trump ha proposto la creazione di una nuova agenzia il cui ruolo sarebbe quello di gestire i prodotti del tabacco. La FDA non ne sarebbe più responsabile.

Nella sua proposta di bilancio pubblicata ieri, Donald Trump ha proposto la creazione di una nuova agenzia il cui ruolo sarebbe quello di gestire i prodotti del tabacco. La FDA non ne sarebbe più responsabile. Per il momento, è impossibile sapere se questa proposta presidenziale sarà votata dal Congresso o quali saranno i suoi effetti sulla regolamentazione delle sigarette elettroniche e dei liquidi da inalazione negli Stati Uniti ma tra il recente divieto di aromi e questa nuova proposta, Donald Trump potrebbe lasciare un segno indelebile durante il suo mandato come presidente del paese sulla regolamentazione dei dispositivi a rischio ridotto.

Dall'introduzione del Tobacco Control Act nel 2009, sotto la presidenza di Barack Obama, la Food and Drug Administration (FDA) è stata responsabile della regolamentazione dei prodotti del tabacco negli Stati Uniti oltre al suo ruolo storico per il Paese di regolare i prodotti alimentari e le medicine/farmaci.

Ma questo fatto potrebbe benissimo cambiare in quanto nella sua ultima proposta di bilancio pubblicata ieri, Donald Trump ha chiesto la creazione di una nuova agenzia sotto il Ministero della sanità che avrebbe il ruolo di regolare il tabacco e i prodotti del settore delle sigarette elettroniche.

"Una nuova agenzia con una missione  specifica legata al tabacco, ed il suo impatto sulla salute pubblica, avrebbe una maggiore capacità di rispondere strategicamente alla crescente complessità dei nuovi prodotti sul mercato. Inoltre, questa riorganizzazione consentirebbe al Commissario della FDA di concentrarsi sulla tradizionale missione di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento alimentare e dei prodotti medici della nazione. "

Sempre secondo la proposta del presidente americano, la persona incaricata di questa nuova agenzia sarebbe designata dal Senato, al fine di "aumentare la sua responsabilità diretta" e consentirgli di "rispondere più efficacemente a questo settore critico della sanità pubblica" .

Non sorprende che coloro che hanno beneficiato finanziariamente dell'inettitudine della FDA non siano contenti della proposta. Matthew Myers, della Campaign for Tobacco-Free Kids, ha dichiarato:

“La FDA, per i prodotti del tabacco, ha impiegato molto tempo a costituire il personale, le competenze legali e la struttura per svolgere il lavoro. Questa proposta è ancora un altro omaggio all'industria del tabacco e delle sigarette elettroniche da parte di un'amministrazione che si è recentemente schierata con l'industria rispetto ai bambini lasciando sul mercato migliaia di sigarette elettroniche aromatizzate".

Gregory Conley, presidente dell'American Vaping Association, ha commentato:

“Questa proposta dell'amministrazione Trump potrebbe essere un segnale che il segretario Alex Azar è seriamente intenzionato a semplificare il processo normativo per lo svapo. Per realizzarlo occorrerà molto duro lavoro e dedizione, quindi sarebbe utile avere qualcuno di nuovo il cui unico compito è concentrarsi sulla regolamentazione del tabacco e della nicotina. Naturalmente, ciò che conta davvero è chi è responsabile e quali sono le loro priorità e credenze e questo deve ancora essere determinato. "

Charles Gardner, della Fondazione Smokefree World’s, ha dichiarato:

“Una nuova agenzia può fare di meglio? Per anni, i consumatori di nicotina e l'industria indipendente dello svapo hanno chiesto alla FDA di stabilire standard di sicurezza per dispositivi e liquidi. Il Regno Unito lo fa, quindi per me è un enigma perché gli Stati Uniti non possono. Grazie alle normative in vigore dall'8 agosto 2016 il ruolo della FDA è stato quello di congelare l'innovazione dei prodotti, impedendo ai produttori di apportare i propri miglioramenti in termini di sicurezza. E la FDA ha fatto un pessimo lavoro rimuovendo i prodotti che sono entrati sul mercato illegalmente dopo il 2016. "

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.