Dal 1° Gennaio 2020 è entrata in vigore la nuova tassazione cardine del nuovo programma di Governo sui cambiamenti della regolamentazione dei dispositivi.

Dal 1° gennaio è entrato in vigore un aumento delle tasse del 13% sulle sigarette elettroniche e sui prodotti ad esse correlati, aumentando l'imposta dal 7 al 20%.

L'aumento fiscale è applicabile a tutti i prodotti relativi al settore delle sigarette elettroniche, nonché alle loro ricariche sia che contengano nicotina o prodotti a base di cannabis. Il ministero delle finanze afferma che la Columbia Britannica è la prima provincia canadese a introdurre una simile tassa.

Bonnie Henry, funzionario provinciale della sanità, ha affermato che l'imposta è una misura giusta ed idonea e dovrebbe avere un impatto positivo anche sulla prevenzione dell'utilizzo dei dispositivi sugli adolescenti per scoraggiarne, questi ultimi, dall'utilizzo.

 "Sappiamo che il prezzo è una cosa molto importante. Sono state pesantemente commercializzate per i giovani e penso che questo sia davvero un buon passo per cercare di frenarne l'acquisto".

Il funzionario ha anche affermato che la vendita di sigarette e l'acquisto da parte dei giovani è aumentato collegando quest'ultimo alle sigarette elettroniche conscio del fatto che innumerevoli studi hanno dimostrato l'esatto contrario.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche