Proposta del Ministero della Salute neozelandese sulla base di nuove regolamentazioni sulle sigarette elettroniche.

Il Ministero della Salute neozelandese ha presentato ieri una nuova proposta di legge (che prende il nome di SERPAB) sulle sigarette elettroniche, ed i riscaldatori di tabacco, che va dall'istituzione di uno speciale statuto per i negozi specializzati alla restrizione sulla vendita di determinati aromi nei negozi non specializzati.

Principalmente la vendita dei prodotti sarà vietata ai minori e per vendere, questi ultimi, si dovrà ottenere una licenza; inoltre saranno vietati determinati coloranti e i negozi di alimentari potranno vendere solo liquidi da inalazione al tabacco, menta e mentolo.

Nel 2025 la Nuova Zelanda, secondo quanto dichiarato più volte, dovrebbe far smettere di fumare la popolazione e dopo aver implementato misure atte a raggiugnere questo risultato ha approvato lo svapo (il vaping e di conseguenza le sigarette elettroniche) come strumento per la cessazione.

E' di gennaio la dichiarazione del Ministro della Sanità, Jenny Salesa, che vede le sigarette elettroniche come "un'alternativa molto meno dannosa del tabacco" e "uno strumento efficace per smettere di fumare" , "non è privo di rischi " e dovrebbe pertanto essere regolata per essere reso " più sicuro possibile " .

Da questa dichiarazione, il ministero della salute neozelandese è rimasto piuttosto discreto in merito all'attuazione di nuove normative per i prodotti. I suoi unici interventi riguardanti la sigaretta elettronica erano stati l'annuncio della creazione del sito Web Vaping Facts , portale di informazione destinato a informare i fumatori nel paese della riduzione del rischio offerta dallo svapo in relazione al fumo, nonché che la presentazione di uno studio le cui conclusioni hanno spiegato che il tasso di fumo dei giovani in Nuova Zelanda non era mai stato così basso dopo dalla legalizzazione degli e-liquid con nicotina.

In prima linea c'è il divieto di utilizzo di sigarette elettroniche in alcune aree dove è già vietato fumare inoltre il divieto si estenderà ai luoghi di lavoro, al chiuso, e negli spazi in cui sono presenti bambini, come le scuole. Non si sarà più autorizzati a vendere a persone al di sotto dei 18 anni e rimane la possibilità di consentire l'esposizione al pubblico dei prodotti a differenza dei negozi di tabacco per cui valgono le vigenti normative.

"dare consigli e raccomandazioni sullo svapo, consentire ai clienti di prelevare campioni nel negozio per provare i prodotti prima dell'acquisto, concedere sconti, punti fedeltà, ecc., vendere prodotti di svapo senza alcuna limitazione degli aromi ” ma utilizzare anche “ messaggi di sanità pubblica approvati dal direttore generale della salute ” .

E riguardo agli e-liquid precisamente, SERPAB, arriva ad attuare altre misure.

Tra questi, l'istituzione di notifiche al Ministero della Salute da parte dei produttori e degli importatori della commercializzazione di qualsiasi prodotto, in modo da certificare che sono conformi alle norme applicabili, o l'istituzione di vari requisiti di sicurezza dei prodotti, nonché l'autorizzazione per il direttore generale della salute a effettuare richiami di prodotti, se necessario.

Presentato al parlamento del paese sarà visionato a Marzo prima di essere indirizzato al Health Select Committee se approvato.

 

 

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche