Nonostante il fatto che la maggior parte dei consumatori di sigarette elettroniche si sia rivolta allo svapo per smettere di fumare, negli Stati Uniti vengono eguagliati ai fumatori quando si tratta assicurazioni sanitarie.

Normalmente, in uno stato che riconosce la riduzione del danno da fumo tramite strumenti a rischio ridotto, i non fumatori e gli utilizzatori di sigarette elettroniche pagano meno dei fumatori quando si parla di ambito assicurativo.

Tuttavia, gli assicuratori sanitari negli Stati Uniti stanno seguendo i consigli della Food and Drug Administration (FDA), non considerando le sigarette elettroniche come strumenti per smettere o ridurre i danni e assicurando i vapers come un qualunque fumatore.

"Se credi, anche considerando tutte le incertezze, che lo svapo possa essere una forma di riduzione del danno, dal punto di vista della salute pubblica e dell'etica, la risposta a questa domanda è ovvia", ha detto Ronald Bayer, professore di scienze sociomediche alla Columbia. "Le persone dovrebbero essere incoraggiate allo switch, non scoraggiate".

Ai sensi dell'Affordable Care Act, le persone che consumano prodotti a base di tabacco sottoscrivendo un'assicurazione sanitaria sono soggetti ad un supplemento del 50% proprio per tale uso. Purtroppo, dopo l'agosto 2016, quando la FDA ha ottenuto il potere di regolamentazione sulle sigarette elettroniche, il termine "prodotti del tabacco" è stato ampliato in modo inesatto per includere anche le alternative più sicure, nonostante, in alcuni casi, non contengano nemmeno tabacco.

L'esperto di controllo del tabacco Michael Ong, ha spiegato che dal punto di vista di un assicuratore sanitario è difficile distinguere tra i due soggetti:

"Penso che sarebbe difficile per una compagnia assicurativa distinguere tra sigarette elettroniche e uso tradizionale si sigarette", ha affermato Ong. "Mentre una risposta alla domanda potrebbe aiutare, il controllo attraverso i livelli di cotinina [essenzialmente la quantità di nicotina nel corpo] non sarebbe in grado di distinguere tra i due prodotti."

La differenziazione tra sigarette e prodotti di svapo dovrebbe essere trattata come una differenziazione tra sigarette e altri NRT come cerotti e gomme.

Il professore assistente di economia presso l'Università statale della Georgia Michael Pesko, ha sottolineato che le sigarette elettroniche dovrebbero essere considerate come strumenti di cessazione per i fumatori a lungo termine.

"I programmi Medicaid forniscono l'uso gratuito di altre forme approvate dalla FDA di terapia sostitutiva della nicotina come gomma e cerotti", ha affermato Pesko. "Sarebbe ragionevole considerare di sovvenzionare le sigarette elettroniche per i fumatori a lungo termine che non hanno smesso di fumare in un altro modo? Penso che sia un dibattito ragionevole che si potrebbe avere. "

Nel 2019, Prudential, la quarta compagnia di assicurazioni sulla vita negli Stati Uniti, è stata la prima ad annunciare che i vapers sarebbero stati classificati come fumatori regolari:

"Prudential riclassificherà gli utenti di sigarette elettroniche per trattarle come fumatori e in linea con le nostre linee guida sul fumo di sigaretta", ha affermato un portavoce della società. "I fumatori in genere avranno politiche più costose."

 

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche