UKVIA ha scritto ai governi inglese, scozzese e gallese per chiedere di tenere aperti i negozi di vaporizzatori durante i periodi di pandemia e isolamento da Covid-19. 

Italia, Svizzera e Spagna hanno deciso di tener aperti i negozi specializzati di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione ma nel Regno Unito, UNVIA, chiede ai governi inglese, scozzese e gallese per chiedere di tenere aperti i negozi di vaporizzatori durante i periodi di pandemia e isolamento da Covid-19. 

La lettera di UKVIA recita: 

“La nostra semplice richiesta è di garantire che i negozi di vaporizzatori nelle città e nelle aree rurali di tutto il Galles rimangano aperti durante la crisi e sollecitiamo a guardare l'esempio dell'Italia."

"Il dott. Riccardo Polosa, scienziato e ricercatore di fama mondiale sulla riduzione del danno da fumo e fondatore del Center of Excellence for the Acceleration of Harm Reduction, ha affermato che a causa dello stress causato dal Coronavirus, con la chiusura dei negozi di vaporizzatori era molto probabile gli utenti tornassero a fumare sigarette per mantenere i loro bisogni di nicotina."

"Questo potrebbe essere pericoloso dal punto di vista della salute pubblica e potrebbe aumentare il rischio di esposizione del fumo di tabacco agli astanti durante la crisi, compresi famiglie e bambini. Ciò potrebbe anche comportare un ulteriore onere per un sistema sanitario già troppo sollecitato. "

VPZ, gruppo di distribuzione e negozi nel Regno Unito, ha già avviato un programma di gestione degli ordini con consegne a domicilio che potrebbe consentire ai negozi di lavorare ugualmente nonostante il blocco del Governo che ne impone la chiusura.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche