Il 15 febbraio 2018 il commissario della FDA "Scott Gottlieb"  ha espresso i piani sul futuro degli E-liquid e non sono così brillanti per il mondo del vaping.

Giovedì 15 febbraio 2018, in una serie di Tweet, il commissario della FDA Scott Gottlieb, basandosi sui commenti e sulle analisi del CDC (Centers for Disease Control and Prevention) del National Youth Tobacco Survey del 2016 lamenta che il 31% degli adolescenti intervistati usa abitualmente il vaping proprio perchè c'è una così vasta gamma di aromi da invogliarne l'utilizzo  (In realtà la domanda sul sondaggio chiedeva sull'utilizzo di "aromi come menta, caramelle, frutta o cioccolata").

"La realtà problematica", ha scritto su Twitter Gottlieb, "è che le sigarette elettroniche sono il prodotto del tabacco più utilizzato tra i giovani. Impedire ai giovani di iniziare ad usare un qualsiasi prodotto legato al tabacco, incluse le e-cig, è fondamentale. "

"Proteggere le generazioni future da tutti i prodotti contenenti nicotina rimane una priorità assoluta", dice Gottlieb in un altro tweet. "

L' FDA cerca di limitare l'accesso dei giovani a questi dispositivi ampliando gli sforzi nell'educare pubblicamente ai pericoli nell'uso delle sigarette elettroniche.

L'agenzia (FDA) sta per lanciare un Advanced Notice of Proposed Rulemaking (ANPRM), una sorta di referendum che permetterà alla FDA di avere una opinione pubblica sulla regolamentazione. Nella bozza dell'ANPRM, la FDA specifica in modo esplicito le presunte prove in cui i  diversi aromi attraggano soprattutto i ragazzi.

"Certi gusti sono generalmente riconosciuti come attraenti per i giovani, come le caramelle e lo zucchero filato, mentre altri, come caffè e cannella, potrebbero non essere così usati", dice il documento. "In questo avviso, la FDA richiederebbe informazioni su come meglio regolare gli aromi che lei dichiara "prodotti del tabacco" per limitare l'utilizzo ai giovani e prevenire l'iniziazione all'uso di questi ultimi".