In un recente articolo il Prof. Jonathan H. Adler definisce le sigarette elettroniche "l'alternativa per fumatori più promettente per smettere oggi".

I sondaggi mostrano che la maggior parte degli americani che fumano vogliono smettere. Con il consumo di sigarette che continua ad essere la principale causa di morte inevitabile negli Stati Uniti, relazionare le sigarette elettroniche con le sigarette tradizionali è quello che si dovrebbe evitare per non dare una cattiva informazione.

In un recente articolo, Jonathan H. Adler , professore alla School of Law della Case Western Reserve University, sostiene che le normative della FDA ( Food and Drug Administration ) statunitensi impediscono ai fumatori di conoscere la potenziale efficacia di riduzione del danno proposto dalle sigarette elettroniche.

Molte varietà di terapie sostitutive della nicotina (NRT), come cerotti e quant'altro, sono progettati per aiutare a smettere di fumare saziando le voglie di nicotina dei fumatori, ma queste "opzioni tradizionali" non sono riuscite a diminuire drasticamente la dipendenza nel tempo, l'hanno solo attenuata.

Le sigarette elettroniche si distinguono da altre alternative di fumare perché consentono agli utenti di simulare l'esperienza del fumo, affrontando una componente comportamentale chiave della dipendenza oltre alla somministrazione di nicotina. A differenza delle sigarette tradizionali, tuttavia, le sigarette elettroniche non contengono né tabacco né richiedono combustione, le principali fonti di esposizione a contaminanti tossici delle sigarette normali.

Adler sostiene che i dati delle indagini intraprese da FDA non supportano le preoccupazioni scaturite dalle idee sbagliate dei consumatori. In effetti, i risultati dei sondaggi citati nella stessa norma della FDA indicano il contrario: molti consumatori adulti pensano che l'uso delle sigarette elettroniche sia altrettanto dannoso, se non addirittura più dannoso, del fumo delle sigarette. Adler si preoccupa che regolando la condivisione delle informazioni nel settore delle sigarette elettroniche analogamente al resto dell'industria del tabacco, la FDA possa solo approfondire e divulgare idee sbagliate ai consumatori che considerano le sigarette elettroniche come alternative al tabacco.

Adler osserva - inoltre - che i limiti di pubblicità probabilmente cambieranno la dinamica del settore, perché le grandi compagnie del tabacco come Altria e Reynolds dispongono già di canali di marketing alternativi per promuovere le filiali di sigarette elettroniche. Questo vantaggio competitivo andrà a beneficio delle società più grandi, "poiché i piccoli dettaglianti, come i negozi di vaporizzatori, sono schiacciati dalle nuove regole". Inoltre, la rimozione degli incentivi alla concorrenza nel mercato delle sigarette elettroniche potrebbe rallentare in modo significativo l' innovazione nella progettazione dei prodotti anche se persino la FDA sostiene che le sigarette elettroniche potrebbero essere meno dannose delle tradizionali sigarette di tabacco . Egli osserva che diversi studi dimostrano che il vapore di sigaretta elettronica contiene quantità minori di sostanze tossiche rispetto alle sigarette normali.

Adler mette in discussione la FDA che vieta categoricamente alle società di sigarette elettroniche di presentare conferme sul rischio relativo di un prodotto senza prima ottenere "l'approvazione della stessa come farmaco, dispositivo o prodotto combinato", poiché tali requisiti sono validi anche se le aziende si limitano a dirigere direttamente dichiarazioni di sicurezza della stessa FDA.

I costi elevati e i lunghi tempi di attesa per l'approvazione della FDA, di attività come i limiti pubblicitari, possono spingere fuori dal mercato le piccole imprese di sigarette elettroniche. Adler osserva che resta da vedere se la perdita di innovazione nello spazio alternativo del tabacco sarà sostanziale. Eppure, la mancanza di informazioni e trasparenza su aiuti vitali per smettere di fumare quando così tante vite vengono perse ogni anno dalle sigarette è una preoccupazione immediata. Adler avverte che una "regolamentazione eccessivamente prudente" può essere più dannosa dei prodotti rischiosi.

 

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche