Se pochi giorni fa il "Bill 15" portava il divieto di utilizzo ai minori di 19 anni, oggi l'Alaska vede nelle e-cig come una soluzione al problema del tabacco.

A lungo governato dalle stesse regole dei prodotti del tabacco, il vaping è ora considerato "differente" dal tabacco in Alaska. 

È stato durante una sessione legislativa del 2017 che il Senato dello Stato dell'Alaska ha scelto di rafforzare la regolamentazione dei prodotti del tabacco, ma soprattutto di applicarla allo stesso modo per prodotti legati al vaping. 

Oggi, in seguito agli sforzi sostenuti da molte associazioni che lottano per i diritti del settore del vaping, l'Alaskan House Rules Committee ha scelto di riconsiderare la sua posizione e riconoscere la sigaretta elettronica come strumento legittimo per smettere di fumare. [Vapingpost.fr - 25 aprile 2018]

Durante questa sessione, Gabrielle LeDoux, presidente del comitato - che è noto per la sua riluttanza ad affrontare argomenti legati al fumo - ha riconosciuto che lo svapo potrebbe svolgere un ruolo importante nella lotta al tabacco. Questa è una buona notizia in uno stato che continua a rafforzare i suoi regolamenti sui prodotti per fumatori e nicotina. Solo pochi giorni fa' il "Bill 15" variava la regolamentazione sul tabacco includendo anche le sigarette elettroniche ampliando il divieto non solo alla vendita ma anche all'utilizzo per i minori di 19 anni.