Un gruppo di esperti australiani del mondo accademico e della ricerca stanno facendo appello al governo per legalizzare gli liquidi con nicotina.

Sono menti scientifiche di fama mondiale (gran parte di origine britannica e americana) quelli che hanno scritto alla Therapeutics Goods Administration del paese sostenendo la possibilità di legalizzare li liquidi a bassa concentrazione di nicotina per le sigarette elettroniche.

Attualmente è illegale usare o possedere nicotina - escludendo quella contenuta nella sigarette tradizionali o agli sostituzione riconosciuti -  in quanto è classificata come "veleno pericolo" nello standard nazionale dei veleni.

Come risaputo gli esperti dicono che la nicotina è una sostanza che crea dipendenza ma può anche essere una soluzione per abbassare i tassi di fumo.

Il dott. Colin Mendelsohn (già in vista nell'ambiente del fumo elettronico sull'obbligo etico di presentare le sigarette elettroniche come metodo per smettere di fumare) è specialista nel trattamento del tabacco e professore associato presso l'Università del New South Wales. È stato a capo della campagna elettorale per le sigarette elettroniche contenenti nicotina da legalizzare ed  in un articolo per TheConversation.com , il professore associato afferma che abolire il divieto di vaping sarebbe immensamente benefico per la salute pubblica e per frenare il livello del fumo in Australia.

"L'uso di nicotina pulita nelle sigarette elettroniche fornisce ai fumatori un modo alternativo di assumerla , cosa nettamente differente dall'assuefazione del fumo di tabacco che causa danni irreparabili ". 

La posizione dell'Australia sugli e-liquid contenenti nicotina ha sorpreso molti paesi d'oltremare (soprattutto il legato Regno Unito) dove l'industria del vaping è andata a gonfie vele negli ultimi anni. Nonostante le crescenti restrizioni legali e gli ostacoli all'accesso, l'uso delle sigarette elettroniche nella nazione è cresciuto costantemente.

Il dott. Mendelsohn ha aumentato gli sforzi della sua campagna nelle scorse settimane a seguito di un divieto assoluto di svapare in luoghi pubblici nel Nuovo Galles del Sud, presentandosi a programmi di notizie in prima serata, trasmissioni radiofoniche e scrivendo articoli sull'argomento. Resta da vedere se gli sforzi di queste 40 menti internazionali a favore dello svapo si realizzeranno.