A neanche una settimana dalla legalizzazione dei prodotti contenenti nicotina ecco un'altra apertura per il settore da parte della Nuova Zelanda.

Il governo neozelandese si sta dando davvero da fare per raggiungere nel più breve tempo possibile l'obiettivo di un paese senza fumo entro il 2025. La legalizzazione dei prodotti contenenti nicotina è stata solo un passo avanti per il paese ma un'altro si appresta a compierne: Il divieto di vendite delle sigarette.The New Zealand Herald - 23 Maggio 2018].

I sostenitori della salute pubblica e gli accademici hanno anche detto affermato che il governo ha bisogno di incoraggiare in modo più aggressivo alternative meno dannose come il vaping per aiutare le persone che non hanno smesso di fumare tabacco.

In un briefing sull'obiettivo 2025 senza fumo al Parlamento, Grant Norman, amministratore delegato del gruppo di salute pubblica "Hapai Te Hauora" ha detto che non è stato raggiunto l'obiettivo sulle impostazioni esistenti.

Le cifre del ministero della Salute mostrano quasi il 16% dei fumatori neozelandesi, tra cui il 35% di Maori e il 25% degli abitanti delle isole del Pacifico.

Il tasso globale è sceso dal 20,1 per cento nel 2006, ma l'obiettivo resta ancora arduo in quanto per ottenere risultati positivi i tassi di fumo dovranno scendere al di sotto del 5% entro il 2025.

"Non siamo neanche lontanamente vicini", afferma  Norman.

L'organizzazione "Hapai Te Hauora"  ha fatto tre raccomandazioni ai parlamentari per raggiungere tale obiettivo:

• Incoraggiare urgentemente prodotti per minimizzare i danni quali sigarette elettroniche 

• Divieto di vendita di sigarette entro il 2025

• Spendere una maggiore quantità di accise sul tabacco per promuovere prodotti di minimizzazione del danno e sostenere le famiglie vulnerabili

Norman ha affermato che non ci sarebbero 5000 morti all'anno per malattie legate al fumo se il prodotto non fosse disponibile.

"Quindi il nostro punto di vista è che dovremmo avere una strategia aggressiva ... per sbarazzarci definitivamente del prodotto."

Si  richiederebbe una legislazione quasi immediata per rendere illegale la vendita di sigarette nel 2025 ed il divieto potrebbe essere introdotto gradualmente.

Ci sono già iniziative in corso per incoraggiare l'uso di sigarette elettroniche in Nuova Zelanda come mezzo per ridurre il danno del fumo, ma Norman ha affermato che è necessario accelerare.

Boyd Broughton, direttore del programma ASH, ha dichiarato che il precedente governo ha raccolto le raccomandazioni più "politicamente appetibili" e che, dal 2010, sono stati fatti pochi progressi verso il taglio dei tassi di fumo.