In Messico le sigarette elettroniche sono bandite e ancora meno sono commercializzate. Il paese sta attaccando la sigaretta elettronica e ne rifiuta la commercializzazione.

Forse il problema sorge proprio nella denominazione si sigaretta elettronica che inequivocabilmente viene messa in contrapposizione o uguaglianza ai riscaldatori di tabacco. E' anche vero che le compagnie del tabacco stanno progettando -  anch'esse -  sigarette elettroniche così come noi le conosciamo; ben lontane dalle sigarette tradizionali ma anche ben lontane dai riscaldatori.

"Con queste alternative, l'industria del tabacco vuole solo aumentare la dipendenza "- commenta  il politico Adolfo Aguilar Zinser 

In effetti in questa esposizione del segretario della sanità si evince l'errore della classificazione e anche del legame di produzione:

"Il  Messico, in quanto paese democratico, rimane aperto al dibattito ma non appoggerà mai la promozione e la commercializzazione di un'alternativa presumibilmente" meno dannosa ", come la sigaretta elettronica progettata dall'industria del tabacco. La ragione è semplice, la sigaretta elettronica è molto avvincente ma anche micidiale  " , ha dichiarato José Narro Robles , Segretario della Sanità (Ssa) .

"In un paese democratico, è sempre possibile parlare, discutere e analizzare, ma abbiamo prove sufficienti e comprensione scientifica per vedere il grave danno che la sigaretta elettronica può causare ". - José Narro Robles 

Il segretario alla salute ha assicurato che la battaglia contro il fumo, che lui denomina "questo serial killer , un'arma di distruzione di massa" non dovrebbe essere ridotta a una semplice diminuzione del numero di fumatori, perché ogni sei secondi causa milioni di morti nel mondo. In Messico, ci sono 137 morti al giorno, circa sei persone all'ora a causa del fumo.

Secondo José Narro Robles:

"Non ci dovrebbe essere misericordia nella lotta contro il consumo di tabacco, poiché i produttori stanno approfittando di questo mercato al prezzo del dolore, della malattia e della morte per milioni di persone in tutto il mondo. È l'arma più importante di distruzione di massa che l'essere umano ha creato e viviamo con essa, permettendole di proliferare ". 

Juan Zinser , presidente del Consiglio messicano contro il tabacco, ha avvertito che il Messico sta vivendo nella "nuova minaccia dell'industria del tabacco ", vale a dire la sigaretta elettronica. Questo annuncia che l'industria del tabacco investe milioni di dollari per mantenere la dipendenza dei consumatori attraverso la sigaretta elettronica. "Vogliono solo aumentare la dipendenza da nicotina ", ha concluso.

Per Manuel Mondragon, capo della Commissione nazionale contro le dipendenze, la sigaretta elettronica genererà un doppio problema, tossicodipendenza e malattia tra i fumatori e gli ex fumatori. 

leggi anche [Vapoterurs.net]