Più di 70 sono gli scienziati e gli esperti che hanno sottoscritto una lettera congiunta all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) esortando i leader a prendere visione dei benefici del vaping.

La lettera è stata inviata al direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in vista della conferenza (COP8) di questa settimana sulla Convenzione quadro per il controllo del tabacco (FCTC) a Ginevra.

I 72 firmatari, che non hanno legami con l'industria del tabacco, hanno invitato l'OMS ad "abbracciare la riduzione del danno" e ad adottare un approccio più positivo alle sigarette elettroniche e ad altre tecnologie che possono aiutare a combattere le malattie legate al fumo.

"Nel campo del controllo del tabacco e della salute pubblica, il mondo è cambiato in modo significativo da quando è stata firmata la Convenzione quadro sul controllo del tabacco nel 2003. È impossibile ignorare o respingere l'aumento dei sistemi alternativi di distribuzione della nicotina (ENDS)" .

“Queste tecnologie offrono la prospettiva di significativi e rapidi guadagni per la  salute pubblica attraverso la 'riduzione del danno del tabacco'. Gli utenti che non possono o non scelgono di smettere di usare la nicotina hanno la possibilità di passare dai prodotti a rischio più elevato (principalmente le sigarette) a prodotti che, oltre ogni ragionevole dubbio, presentano un rischio molto inferiore rispetto ai prodotti da fumo ".

La FCTC stabilisce linee guida su tantissimi argomento (come la tassa sulle sigarette, la pubblicità ed il packaging). L'organizzazione incoraggia i paesi partecipanti ad adottare politiche per conformarsi al quadro.

L'OMS ha preso una posizione cauta quando si tratta di sigarette elettroniche. Ha richiesto una stretta regolamentazione dei prodotti e, in molti casi, li tratta come se fossero nocivi come le sigarette combustibili.

Nella loro lettera, i 72 firmatari hanno riconosciuto che gli effetti a lungo termine sulla salute del vaping non sono chiari, ma hanno sostenuto che questo non dovrebbe essere un motivo che possa portare ad una paralisi normativa.

"È vero che non avremo informazioni complete sugli impatti dei nuovi prodotti fino a quando non saranno stati utilizzati esclusivamente per diversi decenni e, dati i complessi schemi di utilizzo, potremmo non farlo mai".

"Ma abbiamo già conoscenze sufficienti in base ai processi fisici e chimici coinvolti, alla tossicologia delle emissioni e ai biomarcatori di esposizione per essere sicuri che questi prodotti non a combustione - sono e - saranno molto meno dannosi del fumo."

Gli esperti sostengono che gli stessi principi della "riduzione del danno" applicati alle malattie potrebbero essere applicati alle sigarette elettroniche, dando ai fumatori l'accesso alla nicotina con un basso livello di rischio.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.