Preservare un settore con un declino dettato da chi vuole smettere di fumare con l'ausilio delle sigarette elettroniche. I tabaccai francesi aderiscono al mese senza tabacco.

La maggior parte dei tabaccai, riuniti nella Confederazione nazionale dei tabaccai presieduta da Philippe Coy, ha deciso di aderire all'operazione del "mese senza tabacco" attualmente in corso in Francia nel mese di novembre.

L'idea è quella di evidenziare che esistono delle alternative, quali le sigarette elettroniche, al fumo. Questa nuova tendenza dei tabaccai francesi e l'adesione al mese senza tabacco è stata - secondo la confederazione - un scelta responsabile per la salute pubblica. 

"Quasi 10.000 tabacchini sono scomparsi in circa 20 anni e per fermare questa "crisi" bisogna adattarsi alle nuove esigenze dei consumatori ed in particolare sulle sigarette elettroniche che sono un buon modo per smettere di fumare. Oltre alle campagne sulla salute e sulla consapevolezza dei rischi legati al fumo, molti fumatori si rivolgono al vaping per motivi economici. E' naturale che la differenza economica è enorme. Alcuni dei miei colleghi sono ancora riluttanti a vendere sigarette elettroniche, ma la stragrande maggioranza ha capito che piuttosto di opporsi a questo cambiamento nelle abitudini dei consumatori, era meglio accompagnarlo e associarlo perché è uno dei mezzi per la sopravvivenza della nostra professione. "- commenta al sudouest.fr "Jean-Louis Lusley" - un tabaccaio francese.



 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.